Archive for ‘Terremoto e dintorni’

9 aprile 2016

Opening Earth – La Terra sprofonda

Opening Earth – La Terra Sprofonda, film integrale. Un interessante documentario senza il parlato sul crescente fenomeno delle voragini che si aprono inaspettatamente in giro per il mondo. Immagini davvero angoscianti.

Annunci
22 febbraio 2016

Il terrorista Giulietto Chiesa

Come vi ho già scritto tempo fa, Giulietto Chiesa è un agente dei poteri forti che persegue artificiosamente l’escalation verso la terza guerra mondiale. Arabia Saudita e Turchia (al servizio degli USA) minacciano fuoco e fiamme in medio oriente onde riempire l’Europa (ma solo la UE) di immigrati clandestini da mantenere col reddito di cittadinanza grillino e renziano. Del resto, Grillo e lo stesso Chiesa difendono la UE e l’euro e appoggiano incondizionatamente Alexis Tsipras in Grecia. Lo psicobuffone genovese era addirittura volato ad Atene (probabilmente su ordine della CIA) per dare man forte sul referendum farlocco ellenico.
Il risultato è che quel signore sta trattando il suo popolo, come neanche Augusto Pinochet avrebbe fatto, però ha fatto entrare in pochi mesi un milione di “migranti” nella UE attraverso la Grecia. Cosa che vi avevo ampiamente predetto non appena nacque il “fenomeno Tsipras”.
Ora Giulietto Chiesa alimenta il terrorismo atomico per costringere l’Italia, la Grecia e la Spagna (vedi terremoto sospetto a Gibilterra) ad aprire “democraticamente” le frontiere a non meno di 10 milioni di di clandestini per creare il popolo europeo multirazziale, anticristiano e americanizzato. (Lo scrivo dal 2008, nel 2013 scrissi che tutti i sismi di quel periodo erano propedeutici alla creazione del governo Renzi di cui parlo dal 2011)
Tutto ciò è discusso nel mio articolo su NEXUS in edicola.
In Arabia Saudita ci sono le bombe nucleari ma stanno al sicuro dentro le basi militari americane, esattamente come da noi, e solo gli americani le userebbero.
Nel sito di PandoraTV ritrovate tutta la sbobba “equo-solidale” del “politicamente corretto” con cui i poteri occulti controllano psicologicamente il popolino: “la xenofobia”, “l’omofobia”, “il riscaldamento globale”, “il terrorismo islamico” eccetera.
Le manifestazioni contro la NATO in Italia espongono cartelli in inglese che è la lingua della NATO! Gli “ultranazionalisti” ucraini esponevano cartelli antirussi in inglese! Le leggi in discussione al parlamento di Roma hanno nomi in inglese quando, mi risulta, l’italiano essere ancora l’idioma ufficiale da noi. Capitelo che è tutto una messa in scena. Ilare per loro, tragica per noi.
ADDENDUM ‘5 milioni di euro per i ROM a Roma. Il Comune regalerà 150 “borse lavoro” da 400 euro al mese ai ROM, e regolarizzerà i “mercatini della roba usata”. Roba usata o roba RUBATA???’ Vedete che la storia dell’austerità è una bufala come la crisi delle banche. Quando vogliono dare i soldi a qualcuno, li trovano sempre.

Articoli di approfondimento: Intervista a Gianni Lannes sui terremoti artificialiSiria. Serena Shim: la giornalista uccisa e dimenticata

16 gennaio 2016

Terremoto vicino Campobasso M 4.5

Alle 19:55 in provincia di Campobasso una scossa di terremoto di magnitudo 4.5 ha fatto tremare la terra.Il sisma e’ avvenuto a circa 14 km a NE dalla citta’ ad una profondita’ ipocentrale di 10 km. ( http://terrarealtime.blogspot.it/ )

L’Italia sta diventando politicamente instabile col caos delle banche e, ancora una volta come nel 2013, con perfetto tempismo ricompaiono questi misteriosi sciami sismici. Sempre alla profondità canonica di 10 km. Esiste una macchina di origine NATO che causa sismi emettendo onde a frequenza particolare. Ne sono convinto. 16-1-16 alle 19:55 solito cliché V-11.

28 dicembre 2015

Foto – Lo Stromboli e le Eolie dal Cilento

Eolie Stromboli visti dal CilentoUna foto vale molto più di cento parole e il Cilento oggi si è trovato affacciato sulla Sicilia in particolare sullo Stromboli e le Isole Eolie. Come racconta il fermo immagine diffuso da Armando Romano sulla pagina Fecebook della Pro Loco di Pollica, la nostra terra ha assistito a uno spettacolo magnifico. La vista della Sicilia si è potuta ammirare non solo da Pollica, ma da tutto il territorio che si affaccia a sud della provincia di Salerno e così i residenti e coloro che sono tornati nel Cilento per le vacanza natalizie hanno assistito a uno spettacolo mozzafiato. Ma da Gioi, foto Patrizio Nese, si sono potute meglio vedere anche le Isole Eolie. ( http://www.cilentonews.com/ )

Pollica (SA) dista 200 km dalle isole Eolie e oltre 160 da Stromboli, un vulcano alto 928 metri. L’equazione semplificata per calcolare la curvatura terrestre è: distanza in km al quadrato moltiplicata per 8. In tal modo, si ottiene di quanto l’orizzonte dovrebbe “affondare” causa la rotondità terrestre. Il risultato è espresso in cm e bisogna dividere per 100 onde ottenere i metri. Lascio a voi l’incombenza di calcolare se Stromboli sarebbe visibile dal Cilento.
Ho bei ricordi di Stromboli. Ci andammo per la campagna vulcanologica guidati dalla nostra adorabile docente per il corso di Vulcanologia. Salire fino in cima è una faticaccia, 4 ore quasi ininterrotte di arrampicata. Non esattamente per cardiopatici, si arriva su stravolti. Ed dare per scontato prendersi una storta o una distorsione al ginocchio.
Però ne vale la pena, lassù è un altro mondo, sembra di stare su un altro pianeta anche per via del tempo freddo e ventoso al contrario del clima mediterraneo “da infradito” che si è lasciato nelle spiaggette dell’isola. Mi colpirono le nuvole che risalgono la china quando colpiscono la montagna e quando ci si è dentro, sembra di stare nella nebbia della Valpadana. Poi d’impossesso scompaiono e si viene punti dall’intenso, ficcante azzurro del cielo e del mare, come da un aeroplano. Rammento i diversi toni di azzurro del mare per la temperatura differente, dicevano, delle diverse correnti del Tirreno  demarcate come da un confine impalpabile.
Il paesaggio in cima è veramente strabiliante, avanzando a fatica tra i massi di lava solidificatisi da poco, si rimane quasi storditi. Stromboli è un vulcano perennemente in eruzione (attività appunto “stromboliana”) bisogna portare il caschetto di protezione per non rischiare di prendersi in testa un affare di roccia fusa durante un’esplosione. Ma si ammira da vicino il magma incandescente affiorare dalle bocche attive.
Ecco, per il 2016 una vacanza istruttiva ed eccitante. Andate a visitare le Eolie e Stromboli. Però dovete trovare il coraggio di salire in cima! Altrimenti, che avventura sarebbe!

Salita vulcano Stromboli

27 ottobre 2015

Sisma in Afghanistan e Pakistan: oltre 200 vittime, 12 ragazze morte nella calca dopo crollo in una scuola

[Esplora il significato del termine: Una scossa di 7,5 gradi (la più forte mai registrata in Afghanistan) a oltre 200 km di profondità avvertita in tutta l’Asia centrale. L’India offre aiuti. Oltre mille i feriti] Una scossa di 7,5 gradi (la più forte mai registrata in Afghanistan) a oltre 200 km di profondità avvertita in tutta l’Asia centrale. L’India offre aiuti. Oltre mille i feriti

di Redazione Online

Dove arrivano gli americani, arrivano pure i terremoti disastrosi. Sarà un caso.

24 ottobre 2015

Dopo il terremoto in Emilia pozze d’acqua bollente

L’episodio è collegabile alla doppia scossa di martedì 20 ottobre? Il proprietario aveva fatto la segnalazione alcuni giorni fa Intervento dei vigili. È arrivata a 43 gradi e ieri erano attesi alcuni geologi
MEDOLLA. Le terre calde di Camurana avevano puntualmente annunciato il terremoto. Come era già accaduto nel 2012, infatti, nei giorni scorsi si è registrato un surriscaldamento in tutti i pozzi “sensibili” del territorio, con temperature attorno ai 50 gradi. Quattro anni fa il fenomeno si era registrato anche in altri Comuni, come a ridosso del Panaro a Camposanto, dove le segnalazioni dei residenti erano state prese con scherno dalle istituzioni, salvo poi accorrere, all’indomani del sisma, tra tanto interesse scientifico e curiosità.

( http://gazzettadimodena.gelocal.it/modena/cronaca/2015/10/21/news/scosse-di-terremoto-in-un-pozzo-di-medolla-da-giorni-l-acqua-era-quasi-bollente-1.12304817 )

20 ottobre 2015

Sisma nel modenese, nessuna segnalazione di danni

Sisma nel modenese, nessuna segnalazione di danni

Due scosse di magnitudo 2.3 e 3.5 si sono verificate nella tarda mattinata di oggi nella bassa modenese. Al momento non sono pervenute al Centro Operativo regionale della Protezione civile segnalazioni di danni a persone e cose.
In base ai dati forniti dall’Invg la scossa più forte di magnitudo 3.5 di profondità 4 km è stata registrata alle ore 12.35 tra i comuni di Mirandola, Medolla e San Felice sul Panaro. La scossa è stata preceduta da un’altra di magnitudo 2.3 profondità 5 km con epicentro negli stessi comuni. La Protezione Civile regionale ha attivato subito contatti con Vigili del Fuoco, Comuni dell’area interessata, Sanità 118 ed altre strutture per una rapida ricognizione della situazione.
( http://www.regione.emilia-romagna.it/terremoto/notizie/attualita/sisma-nel-modenese-nessuna-segnalazione-di-danni )

Tremori poco profondi, probabilmente collegati col fracking e l’estrazione di idrocarburi. Bisognerebbe indagare ma in Italia non si può. Ho già citato il caso del consigliere regionale emiliano Favia che, ingenuamente, aveva osato portare in aula consigliare la possibile connessione sismi-fracking. Fu buttato fuori dal M5S nel giro di ore, quasi. Figuriamoci i politici di professione. Ciò vi da l’idea in razza di condizione infelice viviamo. Succube di tutti i potentati economici transnazionali al pari della più classica repubblica delle banane.

18 ottobre 2015

Da rivedere le datazioni dei cataclismi nella storia della Terra e della Luna

Zircone lunare

Programmare complicate missioni con o senza equipaggio per riportare a Terra campioni di roccia da analizzare potrebbe non essere una buona idea. Aaron Cavosie, professore di geoscienze e membro del Astrobiology Institute della NASA all’University of Wisconsin-Madison, ha dimostrato che gli zirconi, cristalli noti per la loro longevità, utilizzati per datare i primi cataclismi del Sistema Solare, perdono alcune importati informazioni una volta che vengono separati dalla roccia ospitante.
Lo studio, che si basa sui minerali ritrovati nei pressi del più grande cratere meteorico noto della Terra, Vredefort Dome (*), situato a sudovest di Johannesburg in Sudafrica, è stato pubblicato sulla rivista Geology.

https://i0.wp.com/aliveuniverse.today/images/articoli/2015/104251271-8a521c52-51f6-43cc-8443-73f7238cbd8f.jpg

Finora gli zirconi sono stati utilizzati per fornire una datazione a due grandi eventi storici ampiamente accettati ma non dimostrati: la nascita della Luna, con il materiale della Terra espulso a seguito di una gigantesca collisione tra un corpo delle dimensioni di Marte e il nostro pianeta e, l’Intenso Bombardamento Tardivo (Late Heavy Bombardment), ossia l’ondata di impatti che potrebbe aver creato le condizioni per la vita sulla Terra.
Finora, le migliori analisi sono arrivate dai campioni lunari recuperati durante le missioni Apollo della NASA negli anni ’70.
“Mentre lo zircone è uno dei migliori orologi isotopici per la datazione di molti processi geologici, i nostri esperimenti dimostrano che è molto difficile usare uno zircone ex situ per datare un grande impatto di età conosciuta”, ha spiegato Cavosie.
“Anche se molti zirconi mostrano prove di shock, una volta separati dalle rocce ospitanti, gli zirconi ex situ perdono informazioni contestuali critiche”, ha aggiunto.

Zircone di Vredefort Dome (Sudafrica)

Le righe rosse sono il segno lasciato dall’impatto ma il rapporto uranio-piombo in questo minerale è rappresentativo dell’età delle rocce esposte a Vredefort e non dell’epoca dell’impatto (2 miliardi di anni).
La datazione radiometrica tramite lo zircone si basa sul rapporto uranio-piombo, cioè dipende da come gli isotopi del piombo si accumulano durante il decadimento radioattivo dell’uranio. Gli isotopi che si creano da questo processo sono chimicamente inerti ed estremamente resistenti nel tempo e possono essere utilizzati dagli scienziati per calcolare, sulla base della vita media dell’uranio, da quando il piombo è stato accumulato.
Tale tecnica eseguita sui campioni lunari aveva stabilito che l’Intenso Bombardamento Tardivo si sarebbe verificato tra i 4,3 miliardi ed i 3,9 miliardi di anni fa.
Per valutare questi risultati, Cavosie e colleghi hanno lavorato sugli zirconi nei pressi del più grande luogo di impatto sulla Terra, noto per essersi verificato 2 miliardi di anni fa. Il cratere, oggi profondamente eroso, ha un diametro di circa 300 chilometri ma alcuni modelli ipotizzano che in origine doveva estendersi per ben 14 chilometri.
Il team ha scoperto con sorpresa che gli zirconi estratti dalla loro sede, mantenevano i segni dello shock ma “non registravano l’età dell’impatto, segnando invece l’età delle rocce in cui si erano formati, circa 1 miliardo di anni prima”.
La ricerca è senza dubbio interessante e dimostra che è necessario stabilire criteri rigorosi di valutazione. Ad ogni modo, possiamo stare abbastanza tranquilli perché non tutte le datazioni sarebbero sbagliate. L’esperto di zirconi John Valley ha spiegato: “la maggior parte degli zirconi sulla Terra si trovano nel granito e si sono formati insieme al granito stesso, tanto che in molti pensano che tutti gli zirconi possano essere stati ripristinati da un unico impatto, coincidente con l’età della Luna”.
“La questione su cosa reimposta l’orologio degli zirconi è sempre stata molto complicata. Per molto tempo si è creduto che se uno zircone è coinvolto in un grande impatto, la sua età viene ripristinata in modo da poter datare l’impatto stesso. Aaron sta dicendo che questo è vero ma non sempre. Gli zirconi sono un regalo della natura e su questo non ci sono dubbi ma dobbiamo stare molto più attenti ad analizzare ciò che ci raccontano”, ha concluso Valley.
(*) Fino alla metà degli anni Novanta, la struttura a cupola (“Dome”) situata al suo centro era considerata frutto di una esplosione vulcanica, ma in seguito al ritrovamento di rocce con struttura conica da impatto nel letto del vicino fiume Vaal venne dimostrata l’origine meteoritica del sito. Nel 2005, il Vredefort Dome è entrato a far parte della lista dei luoghi Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO per il suo interesse geologico.
Rif. http://www.nationalgeographic.it/scienza/2013/03/08/news/che_cos_il_vredefort_dome_sapevatelo-1551570/ ( http://aliveuniverse.today/ )

10 ottobre 2015

Campi Flegrei, Mastrolorenzo: “Potrebbero eruttare da un momento all’altro”

Campi Flegrei

Mercoledì scorso, 7 Ottobre, una trentina di scosse sismiche hanno interessato i Campi Flegrei, alcune delle quali percepite distintamente dalla popolazione che è scesa in strada. Uno sciame che ha riportato l’attenzione su un’area spesso dimenticata, essendo l’attenzione più spostata verso il Vesuvio: in realtà il vulcano Campi Flegrei è parecchio più pericoloso del vulcano che distrusse Pompei ed Ercolano, perché mette a rischio tre milioni di persone e potrebbe dar luogo a una super-eruzione.
Per tentare di far luce sulla situazione abbiamo rivolto delle domande a Giuseppe Mastrolorenzo, primo ricercatore dell’INGV e tra i massimi esperti in materia Vesuvio e Campi Flegrei.

Cosa è successo mercoledì scorso ai Campi Flegrei?

L’attività sismica riscontrata ai Campi Flegrei rientra nella fisiologica attività di bradisismo che interessa l’area; si è trattato di circa trenta eventi sismici, dei quali il più forte corrisponde a una magnitudo di 2.5, che non è poco per il fenomeno bradisismo. L’epicentro si è avuto in zona Pisciarelli che, paradossalmente, è proprio quella in cui, con consulenza di istituzioni scientifiche, era stato proposto un progetto di trivellazione per la realizzazione di pozzi profondi per la realizzazione di una centrale geotermica, da me fortemente contrastato presso le autorità competenti. Dal 2012 lo stato del vulcano si trova al livello giallo o livello di attenzione, ossia il secondo su quattro livelli totali: ciò significa una deformazione del suolo, più lenta rispetto a quella del 1982-1984, aumento della temperatura delle fumarole, aumento del flusso di CO2. Il Vesuvio si trova al livello verde, il primo.
Nel 2012 vi fu una vera e propria crisi, quella che nei fatti e senza mezzi termini si può definire un’eruzione mancata, con una risalita del magma di cui le strumentazioni di allora non si accorsero. Il tutto si svolse mentre si trivellava pericolosamente a Bagnoli, un’attività alla quale mi sono sempre opposto perché anche una piccola perforazione può causare eventi sismici, specialmente in un sistema molto instabile come quello dei Campi Flegrei. Si tratta tuttavia di fenomeni che non si sa come interpretare, perché non esiste un modello che consenta agli studiosi di farlo, non abbiamo le sufficienti informazioni scientifiche per realizzare tale modello e, perciò, capire quale possa essere l’evoluzione della situazione. Non abbiamo, per intenderci, dei modelli come li ha per esempio la meteorologia, attraverso cui si possono prevedere con una certa precisione quali eventi climatici si verificheranno e dove, previsioni possibili perché gli eventi climatici sono frequenti e si possono studiare, mentre sismi ed eruzioni sono eventi molto rari.

Allo stato attuale, cosa può accadere in caso di eruzione dei Campi Flegrei?

Oggi vi è un problema molto grave che è quello della disinformazione. Non esiste un piano di evacuazione, ma soltanto una mappa di pericolosità recentemente estesa alla città di Napoli, come da oltre 10 anni mostravano le mie ricerche, ma resta ancora insufficiente. Anche per il Vesuvio non esiste un piano di evacuazione perché mancano i piani che ogni sindaco dei 25 comuni della zona rossa dovrà presentare, i quali però non significheranno ancora nulla in quanto non operativi, visto che dovranno essere integrati e coordinati tra loro. Se è questo il punto in cui siamo per il rischio Vesuvio, per i campi Flegrei invece non c’è niente. Tre milioni di persone sono in pericolo, compreso il territorio di Napoli: con le mie ricerche ho dimostrato che i Campi Flegrei e il Vesuvio hanno una enorme camera magmatica comune che sale fino a una profondità di 7 chilometri nei Campi Flegrei, che nel corso dei millenni ha alimentato le eruzioni di entrambi i vulcani. Un’eruzione dei Campi Flegrei è assolutamente imprevedibile, anche le previsioni a tre giorni sono molto azzardate dal punto di vista scientifico poiché non c’è alcuna soglia, non disponiamo di un livello di conoscenza adeguato per poter prevedere un’eruzione.
Se si verificasse una escalation tale da passare dal livello giallo a quello arancione, ovvero di preallarme, saremmo di fronte alla possibilità di evacuazione autonoma dei cittadini e al risarcimento per coloro che vanno via, per il quale però mancano i soldi. Un passaggio al quarto e ultimo livello, livello rosso o di allarme, comporterebbe l’evacuazione della zona, ma come detto non esiste un piano di evacuazione e saremmo nello stato di “si salvi chi può”. La realtà è che sia i Campi Flegrei, sia il Vesuvio, sono una bomba ad orologeria che nessuno sa quando esploderà, a parte il caso, che in termini scientifici è una complessa combinazione di processi a noi non noti in adeguato dettaglio per fare previsioni. Un vulcano può esplodere in qualsiasi momento, chi tranquillizza affermando che non vi è pericolo dice una bugia.

Qual è allora la soluzione?

La soluzione è SOLO la prevenzione, però non c’è un piano e non si può informare la popolazione che non saprebbe come comportarsi in uno scenario nefasto. Sono state fatte in passato minacce contro autorevoli riviste scientifiche, per aver semplicemente diffuso i risultati di ricerche innovative e determinanti per la valutazione del rischio vulcanico. La volontà di non informare adeguatamente la popolazione per non allarmarla, per non provocare il panico, è assurda; dobbiamo scegliere: è più grave il rischio derivante dalla paura, o è più grave il rischio di evacuazione? È giusto informare male o non informare, per scongiurare la paura tra i cittadini? ( http://terrarealtime.blogspot.it/ )

17 settembre 2015

La teoria della Terra in espansione

La teoria della Terra in espansione è stata recentemente riproposta dalla celebre trasmissione televisiva Voyager, su Rai2 diretta da Sandro Giacobbo. Seppur priva di fondamenti accettati dalla comunità scientifica, questa teoria è davvero interessante e si basa sulla possibilità geoficica che la Terra si stia espandendo, aumentando nel cosro dei milioni di anni il suo raggio. Questo comporterebbe una frattura dei continenti da quello primordiale. Seppur assurda, molti indizi sembrano combaciare perfettamente e la possibilità che i pianeti aumentino di dimensioni sembra confermato anche da recenti scoperte di pianeti extrasolari in espansione in orbita alla loro stella [leggi qui l’articolo].I primi teorici che supportarono questa teoria furono Ivan Osipovich Yarkovsky, nel 1888, e lo scienziato italiano Roberto Mantovan  nel 1889 e poi nel 1909 . Egli supponeva che un solo e unico continente avrebbe coperto la superficie di una Terra più piccola e che poi in seguito all’attività vulcanica continente si scisse in numerosi pezzi che si allontanarono, lasciando che gli oceani riempissero queste spaccature.
Alfred Wegener vide delle similitudini con la sua teoria, introducendo il nome di Pangea per il continente unico, ma piuttosto che adottare l’ipotesi dell’espansione terrestre, egli propose l’ipotesi che il raggio della Terra restasse costante, e introdusse la celebre deriva dei continenti. Anche Ott Christoph Hilgenberg pubblicò diversi studi e ricerche sullo stesso tema.Intorno al 1938, il fisico Paul Dirac (1902–1984) suggerì che la costante gravitazionale terrestre fosse diminuita dopo miliardi d’anni d’esistenza. Ciò condusse il fisico tedesco Pascual Jordan a modificare la relatività generale e a proporre nel 1964 che tutti i pianeti crescano lentamente. Jordan credeva che la Terra avrebbe potuto aver raddoppiato il suo raggio negli ultimi cento milioni di anni.Questo potrebbe così spiegare la dimensione massiccia dei dinosauri, così come le dimensioni di oltre un metro di certe libellule fossili, per il fatto che questi avrebbero beneficiato di una gravità minore nel passato. Tuttavia è stato recentemente dimostrato che gli animali di grandi dimensioni (come i dinosauri) non hanno la stessa densità degli animali di taglia ridotta; si può dunque postulare l’esistenza di una sorta di “giganti” per effetto di un deficit della gravità.
Konstantin Meyl ha proposto, nel 2004, che l’assorbimento dei neutrini, da parte della Terra, avrebbe potuto provocare una espansione del globo. A partire da questa ipotesi, Meyl predisse che l’eclissi di Sole accrescevano la probabilità di sismi, nelle zone in ombra.Claude Deviau assunse ugualmente l’ipotesi che i monopoli magnetici teorizzati da Georges Lochak (ex direttore della Fondazione Louis de Broglie) sotto forma di neutrini magneticamente eccitati, provenienti dal sole e convergenti verso i poli, avrebbero dovuto produrre al meno dell’idrogeno all’interno della crosta terrestre e nel mantello. L’ipotesi si riallaccia a quella di K. Meyl e ha il merito di spiegare come viene creata nuova materia.
Un’altra spiegazione del fenomeno è stata postulata dal geologo russo Vladimir Larin. L’ipotesi è che il nucleo terrestre sia costituito da idruri metallici. Secondo questa teoria i metalli contenenti idrogeno possono avere una densità più importante. Di conseguenza, la liberazione dell’idrogeno sotto l’effetto della temperatura e della pressione provoca la diminuzione della densità del metallo e dunque l’aumento del volume. Inoltre, l’apparizione dell’acqua sulla superficie della Terra è spiegata in questo caso dall’idrogeno che sfugge dal nucleo terrestre. Molto interesLa maggior parte delle polemiche riguardanti le teorie dell’espansione e della tettonica delle placche sono incentrate attorno alla validazione del modello della subduzione. La subduzione è il processo mediante il quale (nella teoria della tettonica a zolle), il materiale della crosta terrestre scompare nel mantello, permettendo al pianeta di mantenere la sua dimensione.I sostenitori del modello della Terra in espansione argomentano con la mancanza di prove sull’esistenza della subduzione, in particolare a causa del fatto che le faglie oceaniche nel fondo degli oceani sono molto più larghe delle zone di subduzione conosciute. D’altra parte, il fondo dell’oceano ha una superficie regolare, che non spiega il modello della subduzione la quale implicherebbe un ingorgo della crosta oceanica.Al contario le eclogiti sono una prova possibile della subduzione.L’altro aspetto della controversia è che questa ipotesi tocchi i paradigmi fisici profondamente radicati. Le teorie fisiche moderne, come la relatività, suppongono che lo spazio esterno sia vuoto (non c’è etere) e che la Terra resti un punto molto isolato nello spazio, rotolando lungo la curvatura dello spazio-tempo causata dal Sole. Inoltre, la teoria dell’espansione contraddice i principi della meccanica celeste, poiché se la terra fosse in crescita la sua orbita sarebbe progressivamente alterata fino al punto di precipitare sul Sole, visto che la forza centrifuga non sarebbe più sufficiente a compensare la forza di gravità.

A cura di Arthur McPaul     ( http://nemsisprojectresearch.blogspot.it/ )
2 luglio 2015

30.06.2015 Grecia sotto attacco: Terremoto e bombe d’acqua!

Disquisendo

Stamattina Terremoto in Grecia di magnituto 4.4

http://terrarealtime.blogspot.it/2015/06/scossa-di-terremoto-grecia-m-44.html

Guardate la linea dei terremoti e confrontatela con le immagini satellitari che seguono2015-06-30 - Terremoti

2015-06-30 - Terremoti 02

E in questo momento sono in corso degli eventi atmosferici violenti come da immagini satellitari.

Sarà un caso proprio dopo la decisione di indire un referendum per decidere sull’euro? No, secondo me non è un caso. Questa è la nuova guerra cui siamo vittime negli ultimi anni!

Ore 7.00 UTC – 9.00 ItalianaOra 8.00 UTC – 10.00 Italiana2015-06-30 - Lightning 1000Ore 11.00 UTC – 13.00 Italiana2015-06-30 - Lightning 1300

Ore 10.00 UTC – 12.00 ItalianaOre 10.30 UTC – 12.30 Italiana2015-06-30 - Sat24 GREECE 1230 ZOOMOre 8.30 UTC – 10.30 Italiana2015-06-30 - Sat24 1030Ore 11.05 UTC – 13.05 Italiana2015-06-30 - Sat24 1305Ore 10.35 UTC – 12.35 Italiana 11.08 UTC – 13.08 ItalianaOre 11.00 UTC – 13.00 ItalianaOre 11.06 UTC – 13.06 ItalianaOre 11.06 UTC – 13.06 UTC

Vedasi per avere ancor più chiara la situazione il video di…

View original post 21 altre parole

30 maggio 2015

Giappone: terremoto 8,5 a Ogasawara

Violento sisma in Giappone Un violentissimo terremoto di magnitudo 8.5 ha colpito il Giappone alle 20.24 locali (13,24 in Italia), con epicentro vocino Ogasawara, un’isola nel Pacifico a 1.000 km a sud di Tokyo. Lo rende noto la Japan meteorological agency, che non ha lanciato alcun allarme tsunami. L’intensita’ della scossa, durata piu’ di un minuto, e’ stata misurata in 5+, sulla scala di misurazione di 7 livelli massimi, mentre su gran parte dell’area del Kanto, la piana di Tokyo, e’ stata avvertita in modo chiaro con intensita’ 4, con un picco di 5- a Saitama. L’ipocentro e’ stato individuato a 590 km di profondita’. Secondo quanto riferito dalla tv pubblica Nhk, non risultano esserci al momento danni a persone o cose. I treni shinkansen tra Tokyo e Osaka si sono fermati a titolo precauzionale. (ANSA)

25 maggio 2015

In corso l’attacco sismico al Giappone?

89267212_89267208
Come preannunciato da me e da altri siti di controinformazione, a maggio 2015 ci sarebbe stato un attacco tellurico al Giappone.
Una scossa di grado 5,6 della scala Richter ha squassato la capitale Tokyo e il suo circondario. La scossa è avvenuta alla 2:28 della scorsa notte. Il terremoto ha colpito a 34 km da Tokyo nei pressi delle città di Hasuda e Shiraoka. L’aeroporto internazionale di Narita è stato completamente chiuso a seguito del sisma.

Articolo di approfondimento: Attacco sismico pianificato per il maggio 2015?

16 maggio 2015

40 vulcani sono in attività contemporaneamente nel mondo

Anello di Fuoco del PacificoSi può non averlo notato, ma il nostro pianeta sta diventando sempre più instabile. Secondo Volcano Discovery, 40 vulcani in tutto il mondo sarebbero in eruzione in questo preciso momento, solo 6 di loro non si trovano lungo l’Anello di Fuoco del Pacifico. Se questo vi suona come un numero cospicuo, è perchè lo è realmente. Ci sono state un totale di 3542 eruzioni vulcaniche durante tutto il ventesimo secolo. Dividendo il numero per 100, emerge una media di circa 35 eruzioni vulcaniche annue. Per cui, il numero di vulcani che sono in attività in questo momento è di parecchio superiore alla norma. In 5 mesi il numero è stato superiore a quello medio di un intero anno solare. Assieme a ciò, assistiamo a un fenomenale incremento dell’attività sismica a essi associata e ovunque nel globo. Il Nepal è stato appena interessato dal peggior terremoto degli ultimi 80 anni e i geologi ci dicono che l’Himalaya, in verità, si è abbassato di un metro circa a seguito del movimento tellurico. Qualcosa di sordido sta avvenendo dentro la crosta terrestre cui nessuno sembra stare prestando attenzione.

13 maggio 2015

Attacco sismico pianificato per il maggio 2015?

japan-terremotoALLARME ROSSO: 10 ragioni per cui la Svizzera ospita la CIA

David Chase Taylor 10 Maggio 2015 Truther.org

SVIZZERA, Zurigo – Sulla base di ultime notizie e gli eventi, sembra che la CIA in Svizzera e le loro rispettive tirapiedi (ad esempio, USGS, Marina USA, ecc) sono in procinto di eseguire un attacco micidiale terremoto artificiale che probabilmente porterà a un devastante tsunami e / o disastri legati alle armi nucleari, uccidendo decine di migliaia di persone.

Anche se l’imminente attacco sisma / tsunami dall’uomo potrebbe teoricamente trasparire in qualsiasi parte del mondo, è molto probabile che si verificano in California del Giappone, entrambi i quali sono stati nelle notizie di ritardo per gli incidenti connessi con i terremoti. Simile al dell’Oceano Indiano del 2004 Terremoto e tsunami , il terremoto imminente attacco / tsunami si rivolgerà più sedi in tutto l’Oceano Pacifico.

La nozione di un terremoto artificiale è stato evidenziato da Yahoo News ancora il 18 agosto 2014, in un rapporto inquietante dal titolo ” Meno scossa da scosse artificiale, Fed dice studio “. Dal momento che i terremoti artificiali sono stati ora confermati in più occasioni (vedi elenco sotto), è solo una questione di tempo prima che un altro viene utilizzato per generare una cosiddetta “catastrofe naturale”.

Più di recente, il 23 aprile 2015, il Los Angeles Times ha pubblicato un rapporto intitolato ” Terremoti o artificiali aumento nell’Europa centrale e orientale degli Stati Uniti, lo studio constata “, allo stesso tempo mettendo in evidenza e confondere le acque in relazione agli attacchi con terremoti artificiali.

In quello che sembra essere pre-artificiale attacco terremoto propaganda per il Giappone, è stato segnalato di nuovo il 22 marzo 2015, che il Giappone ha in programma di costruire un muro sul mare enorme per combattere la minaccia tsunami . Il riferimento “massiccio muro sul mare” è stato progettato per prefigurare l’idea di un muraglione di acqua come quelli testimoniato durante tsunami saltano Giappone.

Tre giorni dopo, il 25 marzo 2015, è stato rivelato che uno stato sponsorizzato tsunami trapano è stato giustiziato nel sud della California . Il trapano tempestivo è stato evidentemente progettato per formare funzionari in California per l’imminente attacco sisma artificiale che sarà prevedibilmente tradurrà in un devastante tsunami.

Quattro giorni dopo, il 29 marzo 2015, un allarme tsunami è stato emesso per le parti del Pacifico dopo il potente terremoto 7.7 . Secondo i rapporti, il terremoto ha colpito Papua Nuova Guinea, generando uno tsunami che misurava mezzo metro (1,5 piedi). Inutile dire che il terremoto, tsunami e allarme tsunami sono un’anteprima delle cose a venire.

In quello che sembra essere la copertura per un attacco terremoto / tsunami artificiale in California, è stato segnalato il 4 aprile 2015, che tre piccoli terremoti si sono verificati nella zona di Los Angeles in 10 minuti . Terremoti cluster vengono eseguiti in ordine di vendere l’idea che una data faglia (cioè, San Andrea) è iper-attiva, rendendo l’idea di un terremoto naturale appaiono tanto più plausibile.

California-Mega-terremoto-Warning-12California Earthquake Attacco
Anche se l’imminente attacco terremoto artificiale potrebbe teoricamente colpire ovunque nello stato della California, molto probabilmente trasparire a Los Angeles o San Francisco. Indipendentemente dall’epicentro del terremoto, i reattori nucleari in California probabilmente rottura, rendendo la West Coast “radioattivo”. In una 17 gennaio 2015, relazione dal titolo ” Misure Funzionari rividitano sismica di sicurezza per Los Angeles “, è stato rivelato che, dopo un anno di studio delle infrastrutture critiche di Los Angeles, le autorità cittadine hanno chiesto una correzione sismica urgente prima del previsto Big One colpisce. La relazione afferma che “un 7,8 di magnitudo uguale o superiore a terremoto atteso lungo la faglia di Sant’Andrea, studi dicono, sarebbero 1.500 accendere fuochi, naufragio 1.500 edifici, danni 300.000 di più e lasciare 255.000 abitanti senza casa, ferendo 55.000 persone da Palm Springs a Los Angeles” . In quello che sembra essere un segno minaccioso quel terremoto terrore artificiale in California è imminente, il trailer del nuovo film ” San Andreas “(2015) è stato diramato il 9 dicembre 2014 , 6 mesi prima il film debutta nelle sale. Il rilascio prematuro del trailer era evidentemente eseguito per preparare psicologicamente californiani per il “Big One”. Com’era prevedibile, il film di propaganda ” San Andreas ” di Los Angeles rescue-pilota di elicottero, che, insieme con la sua ex-moglie, tentare di lasciare Los Angeles per recarsi a San Francisco, al fine di salvare la loro figlia estraniata dal terremoto. Nel caso in cui un terremoto artificiale colpisce California, i suoi reattori nucleari prevedibilmente subire un “tracollo”. Casualmente, il 3 dicembre 2014, Sputnik News ha pubblicato un rapporto intitolato ” faglie sismiche costituire un rischio per California Centrale nucleare “, sottolineando i pericoli che i terremoti costituiscono per reattori nucleari in California. In quello che sembra essere pre-California attacco terremoto terrore condizionata, è stato segnalato il 14 novembre 2014, che una società californiana è pronto per iniziare la distribuzione di un’applicazione avvertimento di terremoto , cosa che sarebbe sicuramente tornare utile prima di un terremoto. Secondo il rapporto, laboratori di allarme rapido ha collaborato con la US Geological Survey per creare l’applicazione QuakeAlert nei prossimi tre anni. In breve, QuakeAlert è un’applicazione smartphone e sistema di allarme in casa che avvisa gli utenti entro 30 secondi di un terremoto ricevuto , confermando ancora una volta, anche se in modo de facto, che i grandi terremoti sono effettivamente di origine antropica. Torna il 15 dicembre 2014, il Los Angeles Times ha pubblicato un rapporto intitolato ” Terremoto potrebbe distruggere Acqua Lifeline di Los Angeles “, in cui si afferma che acquedotti d’acqua attraversano la faglia di San Andreas per un totale di 32 volte. Pertanto, a seguito di un terremoto artificiale, acqua sarà prevedibilmente essere tagliato per settimane, se non mesi, probabilmente uccidendo migliaia di persone. L’ultima propaganda terremoto in California ha iniziato il 10 marzo 2015, quando il Los Angeles Times ha pubblicato un rapporto dal titolo ” Rischio di 8,0 Terremoto in California Rises, USGS dice “. Il giorno dopo l’11 marzo 2015, Fox News ha pubblicato un rapporto intitolato ” USGS dice relazione Rischio di Mega-Terremoto in California entro prossimi 30 anni aumenta “. Lo stesso giorno, USA Today ha pubblicato un rapporto intitolato ” The Big One più probabile, Terremoto Previsione Indica “. Al fine di evidenziare le linee di faglia e terremoti poco prima dell’arrivo del ” The Big One “in California, uno studio è stato pubblicato il 18 marzo 2015, che ha rivelato che le linee di faglia riattivato nel Oklahoma potrebbero causare un terremoto importante: lo studio.

Ultimi California Earthquake Terror Notizie:

1. 25 aprile 2015: Il ricercatore dice che affonda Santa Catalina potrebbe rappresentare pericolo tsunami
2. 26 APRILE 2015: California si prepara per la prossima ‘grande’
3. 3 maggio 2015: Magnitudo 3.9-terremoto scuote edifici in tutta Los Angeles
4. 6 maggio 2015: tre terremoti in 30 minuti di esercizio Concord Fault

Attacchi terremoto giapponese Trending
Prima di un alto profilo attacco terremoto giapponese artificiale, il mondo deve essere psicologicamente pronti ad accettare che questo è in realtà possibile. Titoli fraudolenti ed eventi fabbricate sono un modo chiazza di petrolio di convincere la gente che sì, può accadere. Come evidenziato terremoti sono ora a alto in Giappone di tutti i tempi che suggerisce che un attacco terremoto sponsorizzato dallo stato è imminente.

Ultimi Giappone Terremoto Terror Notizie:

1. 5 febbraio 2015: Magnitudo 5.0 terremoto colpisce il Giappone occidentale, nessun allarme tsunami
2. 16 febbraio 2015: in mare aperto 6.9 terremoto scatena consultivo dello tsunami in Giappone
3. 19 Febbraio 2015: Forte 6.3 terremoto colpisce al largo della costa est del Giappone
4. 23 Febbraio 2015: magnitudo 4,5 terremoto scuote il Giappone orientale, nessun allarme tsunami
5. 25 Febbraio 2015: terremoto di magnitudo 6.2 colpisce magnitudo off Giappone meridionale
5. 20 aprile 2015: 6.8 terremoto al largo di Taiwan costa richiede allerta tsunami nel sud-ovest del Giappone
6. 5 Maggio 2015: 100 terremoti vulcanici a popolare avvertimento turistica pronta resort giapponese

[Non pretende di essere un elenco completo dei recenti terremoti in Giappone]

Tokyo Disaster Drill
In quello che sembra essere un pre-Tokyo terremoto / tsunami attacco trapano, è stato segnalato il 16 gennaio 2015, che un grande complesso commerciale a Tokyo ha aperto le sue porte a vittime di catastrofi ipotetici in tutta la città trapano emergenza terremoto in cui la rete di trasporto è crollato. Il trapano terremoto senza precedenti è stato eseguito un giorno prima del 20 ° anniversario del Grande Terremoto di Hanshin .

I. TSUNAMI ARTIFICIALI :

Tsunami_Wave1.1: Tsunami Bomba
Poco prima l’uragano Sandy fare landfall, è stato segnalato il 26 ottobre 2012, che la US Navy aveva inviato 24 navi da guerra, tra cui la portaerei USS Harry S. Truman, fuori dal mare . O meno le navi della marina militare sono stati infatti partecipare ad uno sforzo coordinato per rig esplosivi grado militare al largo della costa orientale non è noto, ma un paio di mesi di ritardo dal 1 ° gennaio 2013, è stato segnalato che le cosiddette “Bombe Tsunami” sono stati testati al largo della costa della Nuova Zelanda . Secondo i rapporti, i test che sono stati effettuati nelle acque intorno Nuova Caledonia e Auckland, ha dimostrato che “bombe Tsunami” erano una WMD fattibile in quanto una serie di 10 grandi esplosioni in mare aperto potrebbe potenzialmente creare un 33 piedi tsunami onda in grado di inondando una piccola città . L’operazione top secret, nome in codice “Sigillo del progetto”, ha testato il dispositivo giorno del giudizio come un possibile rivale per la bomba nucleare. Anche se 3.700 bombe sono state esplose durante le prove, gli esperti hanno concluso che singole esplosioni non erano abbastanza potenti e che una bomba tsunami di successo avrebbe richiesto circa 2 milioni di chilogrammi di esplosivo schierati in una linea di circa cinque miglia dalla costa. Quando tutti i fatti concernenti l’uragano Sandy sono prese in considerazione (ad esempio, senza precedenti del modello di Sandy landfall, tecnologia “Tsunami Bomba”, e le 24 navi della marina militare al largo di New York e New Jersey costa), in quanto sembra che l’uragano Sandy era in realtà un uragano artificiale. Casualmente, il 27 giugno 2013, è stato riferito che una miniera di misterioso è stato trovato da un nuotatore appena al largo della costa di Bay Head, New Jersey , circa 50 miglia a sud di New York City. Secondo il rapporto, la miniera, che è stata fatta esplodere dalla US Navy, ha inviato l’acqua 100 piedi in aria.

1.2: Hurricane Sandy Flashback
Anche se l’uragano Sandy era solo un uragano di categoria 1 , che aveva una tempesta equivalente di uno tsunami che ha allagato parte del Costa orientale spalla alta e sommerso le strade, sottopassaggi e tunnel di New York City. Poco prima Sandy fare landfall, è stato segnalato il 26 ottobre 2012, che la US Navy aveva inviato 24 navi da guerra, tra cui la portaerei USS Harry S. Truman, il mare dalla stazione navale di Norfolk in Virginia per evitare di essere danneggiato in porto. Se Sandy fosse davvero un “Superstorm”, perché sarebbe il rischio Marina invio 24 navi fuori nel senso del danno? E ‘possibile che le 24 navi della Marina sono stati infatti partecipare ad uno sforzo coordinato per far esplodere giornata moderna “Bombe Tsunami” al largo della costa orientale degli Stati Uniti, al fine di creare l’uragano Sandy artificiale? Sebbene ulteriori ricerche deve essere condotta, in quanto sembra che il “uragano” mortale che ha ucciso più di 100 persone e costano circa il 20 miliardi di dollari in danni economici era in realtà un evento artificiale.

1.3: Bombe Tsunami sganciate sulla Nuova Zelanda?
In un altro esempio di come il governo genera “disastri naturali”, neozelandesi correva urlando dagli edifici a Wellington il 21 luglio 2013, quando come una grandezza terremoto di 6,5 spense le finestre e ha causato parte del porto della città di scivolare in mare . Secondo il rapporto, il terremoto ha colpito alle 17:09 ora locale ed è stato centrato in mare aperto, 57 chilometri (35 miglia) a sud-sud-ovest della capitale, a una profondità di 14 chilometri, secondo l’ US Geological Survey . Casualmente, il 21 luglio 2013, lo stesso giorno esatto come il terremoto, è stato riferito che la US Navy aveva lasciato cadere 4 bombe per un totale di £ 4.000 nel mare al largo della costa della Nuova Zelanda . Anche se la posizione esatta dell’incidente è stato cambiato, che è una procedura operativa standard per le agenzie di intelligence, il fatto che un forte terremoto si è verificato lo stesso giorno come 2 tonnellate di bunker busting acquatico-come le bombe sono cadute è una bella coincidenza, promuovere la idea che i cosiddetti “disastri naturali” sono tutt’altro che naturale. A partire dal 16 agosto 2013, la Marina australiana e statunitense sono ora in fase di “Richiamo”, le bombe . Che cosa sta realmente accadendo in profondità sotto il mare al largo della costa australiana è sconosciuta, ma la marina ha voluto inserire alcune bombe dello tsunami, il recupero della bomba è la copertura perfetta.

I TERREMOTI GENERATI DALL’UOMO:

-Terremoti 03_27_2013_induced2.1: I governi possono “provocare terremoti”
Già nel mese di aprile del 1997, il Segretario della Difesa William S. Cohen ha dichiarato che i governi “sono impegnati in un eco-tipo di terrorismo, per cui essi possono alterare il clima, provocare terremoti , vulcani in remoto attraverso l’uso di onde elettromagnetiche “. Sebbene Cohen ci vorrebbe prenderlo in parola, è molto più probabile che la sua dichiarazione era parte di un militare un’operazione psicologica (PSYOP) , al fine di distogliere l’attenzione dal metodo provato e vero di creare terremoti-grandi quantità di sotterraneo o esplosivi subacquei.

2.2: ammessi Terremoti “Man-made”
Se infatti sotterranei o sottomarini esplosivi sono la causa principale dei terremoti, operazioni di perforazione di petrolio e gas condotti dalle multinazionali avrebbero forniscono la copertura ottimale necessario per queste operazioni segrete. Con il termine “fracking”, il Consiglio Nazionale delle Ricerche ha ammesso tanto il 15 giugno 2012, quando è stato riferito che alcune operazioni di petrolio e gas possono causare terremoti . Il rapporto si è affrettato a precisare che il rischio di terremoti da fratturazione idraulica è generalmente bassa e che “fracking” è stato trovato solo per aver causato molto piccole scosse di 2.3 e 1.5 di magnitudo. Infine, l’idea di un terremoto di origine antropica è stata recentemente evidenziata da Yahoo News il 18 agosto 2014, in un rapporto inquietante dal titolo ” Meno scossa da tremiti artificiale, Fed dice studio “. Dal momento che i terremoti artificiali sono stati ora confermati in più occasioni (vedi elenco sotto), è solo una questione di tempo prima che un altro viene utilizzato per generare una cosiddetta “catastrofe naturale”.

2.3: “Man-made” Quake # 1 (Baton Rouge, Louisiana)
Torna l’8 ottobre del 1988, il terremoto del gioco ha avuto luogo di fronte a una folla di 79.431 allo stadio di Tiger. Secondo i rapporti, la partita tra Auburn e LSU ha registrato un terremoto secondo un sismografo trova a LSU Howe-Russell Geoscience complesso circa 1.000 piedi (305 m), dallo stadio. La lettura sismografo sarebbe stato scoperto la mattina dopo la partita da LSU sismologo Don Stevenson che ha presentato la lettura al Geological Survey Louisiana di averlo conservato. Inutile dire che, se migliaia di fan urlanti in grado di produrre un terremoto, immaginare quello che migliaia di tonnellate di C-4 o la dinamite potevano fare.

2.4: “Man-made” Quake # 2 (Seattle, Washington)
Tornando al’8 gennaio 2011, la ” Bestia Quake “si è verificato a CenturyLink Field a Seattle, Washington, quando Seattle Seahawks giocatore Marshawn Lynch ha segnato un vincente 67-yard touchdown negli New Orleans Saints nel 2011 NFL Playoffs. Questa è stata la prima volta che i fan di Seattle Seahawks presumibilmente generato un terremoto durante una partita di NFL. Inutile dire che, se migliaia di fan urlanti in grado di produrre un terremoto, immaginare quello che migliaia di tonnellate di C-4 o la dinamite potevano fare.

2.5: “Man-made” Quake # 3 (Punggye-ri, Corea del Nord)
Torna il 12 febbraio 2013, è stato riferito che la Corea del Sud aveva rilevato “un terremoto artificiale” a causa del programma nucleare della Corea del Nord . Secondo il rapporto, “The United States Geological Survey ha confermato un terremoto nel nord-est della Corea del Nord tra 4.9- e 5.1 di magnitudo, a una profondità di circa un chilometro. “Il rapporto afferma inoltre che,” L’Agenzia meteorologica giapponese riferisce che la di tremore epicentro è stato localizzato a Kilju County, esattamente nello stesso luogo e la profondità come il terremoto causato da ultimo test sotterraneo noto della Corea del Nord nucleare nel primo test nucleare del 2009. della Corea del Nord nel 2006, è stata effettuata anche presso il sito di prova Punggye-ri “. L’esistenza di armi nucleari è discutibile , ma questo test in Corea del Nord mostra che i terremoti possono derivare dall’uso di esplosivi.

2.6: “Man-made” Quake # 4 (Praga, Oklahoma)
Torna il 26 marzo 2013, è stato riferito che un gruppo di scienziati aveva stabilito che il terremoto di magnitudo 5,6 a Praga, Oklahoma, il 6 novembre 2011, è stato l’uomo-fatto a seguito di “rifiuti di perforazione petrolifera [che] è stato iniettato in profondità “. Queste operazioni di trivellazione di petrolio e di gas potrebbero facilmente consentire il posizionamento strategico di grandi quantità di esplosivo lontano sotto la superficie della terra che possono poi essere fatta esplodere in una data successiva tramite telecomando. Sulla base di queste recenti rivelazioni, sembra che “fracking” è la copertura politica per “Black Ops” operazioni terremoto dall’uomo .

2.7: “Man-made” Quake # 5 (Seattle, Washington)
Torna il 2 dicembre 2013, è stato riferito che i fan di Seattle Seahawk creato un terremoto durante una stagione regolare gioco contro i New Orleans Saints. Questa era la seconda volta che i tifosi dei Seattle Seahawks avrebbero generato un terremoto durante una partita di NFL. Inutile dire che, se migliaia di fan urlanti in grado di produrre un terremoto, immaginare quello che migliaia di tonnellate di C-4 o la dinamite potevano fare.

2.8: “Man-made” Quake # 6 (Seattle, Washington)
Torna il 13 gennaio 2014, è stato riferito che i fan di Seattle Seahawk creato un terremoto durante una partita di playoff contro i New Orleans Saints. Questa era la terza volta che i tifosi dei Seattle Seahawks presumibilmente generato un terremoto durante una partita di NFL. Inutile dire che, se migliaia di fan urlanti in grado di produrre un terremoto, immaginare quello che migliaia di tonnellate di C-4 o la dinamite potevano fare.

2.9: “Man-made” Quake # 7 (Penisola di Corea)
Torna il 12 febbraio 2013, è stato segnalato dal Servizio Geologico degli Stati Uniti (USGS) che un terremoto di 5.0 magnitudo è stata rilevata 132 km (80 miglia) dalla penisola coreana presto il 1 ° aprile 2014. Il sisma ha avuto luogo come riferito in un profondità di circa 16 km (10 miglia) nel mare ad ovest della penisola coreana, pochi giorni dopo la Corea del Nord ha minacciato di effettuare una “nuova forma” di test nucleare . Anche se non esplicitamente indicato, si può dedurre che il test nucleare presunto causato terremoto.

2.10: Fake Earthquake Alarm (Giappone)
In un altro segno che la maggior parte dei principali terremoti sono effettivamente dall’uomo, l’8 agosto 2013, è stato segnalato che Agenzia Meteorologica del Giappone si stava indagando per un avvertimento di terremoto falso dopo che ha emesso un avviso di un terremoto di magnitudo 7.8 che ha provocato solo in una minore terremoto di magnitudo 2.3. Secondo il rapporto, un allarme a tutto campo sembrava, tra cui telefoni cellulari e le avvertenze tv, poco prima 17:00 ora giapponese, avvertendo che il Giappone dovrebbe prepararsi per un massiccio terremoto. Tuttavia, il terremoto importante non arrivava mai, solo un piccolo terremoto di magnitudo 2.3.Come qualsiasi agenzia governativa, terremoti o altro, è in grado di sapere in anticipo quando un terremoto colpirà e quanto grande sarà senza in qualche modo essere responsabile di avviare lo sfida la logica. All’indomani del falso allarme, le notizie hanno dichiarato che il sisma agenzia accusato rumore elettronico per l’attivazione del falso allarme .

Circa l’autore
David Chase Taylor è un giornalista americano e l’editor-in-chief di Truther.org , terrore sito web whistle-blower sponsorizzata dallo stato. Taylor vive a Zurigo, Svizzera, dove è attualmente in fase di richiesta di asilo politico dopo il rilascio di La Bibbia nucleare , un libro accreditato sventando un attacco terroristico nucleare su Super Bowl XLV a Dallas, in Texas, il 6 febbraio 2011. Taylor recentemente scritto Groenlandia Teoria: Apocalypse Now , un libro e il sito web di esporre la vera struttura di potere del mondo, soprattutto per quanto riguarda la Groenlandia e il suo stato proxy primario di Svizzera, che ospita la CIA . Taylor ha anche pubblicato Il Bio-Terror Bibbia , un libro e il sito web di esporre la pandemia bio-terrore globale previsto per il 2015. Ad oggi, Taylor ha fischiato su oltre 100 piazzole terroristici sponsorizzati dallo stato , compreso il Plot 2012 Democratic National Convention Terror , il Super Bowl 2011 nucleare terroristico , la 2014 Super Bowl nucleare terroristico , il Scandalo Terrorgate , il 2014 Memorial Day Massacre , il attacco asteroide artificiale programmato per il 2014 , e il drone che ha ucciso “Fast and Furious” stella Paul Walker . Taylor è stato anche il primo a esporre i collegamenti infidi Alex Jones ‘a STRATFOR ed è nota per i 10 motivi per cui lo sbarco Rosetta cometa era una bufala .

LEGGERE: In caso di mia morte Prima 19 luglio 2015-Lettera aperta dal giornalista David Chase Taylor

Truther.org Disclaimer legale
Truther.org scopo dichiarato s ‘è quello di fermare il terrorismo elaborando indesiderata attenzione mondiale complotti terroristici prima della loro fruizione. Allarmi terroristici e gli avvertimenti fatti da Truther.org non implicano necessariamente che questi eventi terroristici saranno trasparire in realtà, ma piuttosto che ci sia una possibilità concreta che si possono verificare in base a rompere legate al terrorismo news, eventi e dati. Storicamente parlando, una volta un grande appezzamento false flag terrore è esposto, viene immediatamente annullato, rinviato, o rielaborate (ad esempio, il Super Bowl 2011 nucleare terroristico , la 2014 Super Bowl nucleare terroristico , il 2014 Freedom Tower nucleare terroristico , ecc). Atti sponsorizzata dallo stato di terrore devono avere una traccia cartacea prima al fine di set-up capri espiatori, capri espiatori principali, creare negazione plausibile , e trarre in inganno il pubblico dai soliti sospetti di terrorismo , che lavorano per volere della CIA in Svizzera . Si prega di sostenere vero giornalismo cittadino e contribuire a rendere il terrorismo una cosa del passato. Beati i costruttori di pace. Namaste

0001 SAFDCT(Fonte:  https://truthernews.wordpress.com/2015/05/10/global-man-made-earthquake-tsunami-alert-major-california-andor-japan-attack-planned-for-may-2015/ )

27 aprile 2015

Bombe nucleari e terremoti

Bombe nucleari e terremotidi Gianni Lannes

«Il terremoto in Nepal equivale all’esplosione di tante bombe nucleari». Se non ho capito male, Mario Tozzi, geologo del Cnr, e noto divulgatore scientifico ha detto proprio così. Non ho mai sentito una castroneria più grande. All’università l’editorialista del quotidiano La Stampa – il cui editore Fiat ha aderito alla sperimentazione climatica segreta firmata da Berlusconi a Bush a Genova il 19 luglio 2001 – qualche esame di matematica dovrebbe averlo dato. E così, almeno in teoria, dovrebbe sapere che esiste una scala di comparazione. Infatti, i chilotoni sono trasformabili in magnitudo della scala Richter. La tavola di comparazione, appunto, è una scala logaritmica. In sostanza, la magnitudo 4 nella scala Richter equivale a 1 chilotone, mentre una magnitudo 5 equivale a 35 chilotoni. Tanto per fare un esempio: la bomba sganciata su Nagasaki aveva una potenza di 13 chilotoni.
Ciò che ha colpito la mia attenzione sono i dati riportati dall’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, che attestano un ipocentro, ossia una profondità sospetta di appena 800 metri, e una magnitudo 6.4. Inoltre è stata registrata una scossa con magnitudo 7.7 ed ipocentro di 10 chilometri.
Com’è abbastanza noto, i terremoti possono scatutire dai movimenti delle placche terrestri, ma pure essere provocati dalle esplosioni nucleari e dall’irradiazione di energia elettromagnetica direttamente sulle faglie mediante un riscaldatore ionosferico. Basta irrorare un territorio con nanoparticolato metallico (alla voce scie chimiche) che rende l’aria maggiormente elettroconduttiva e l’effetto conclusivo è raggiunto, ottenendo però, scossoni tellurici con ipocentri estremamente superficiali.
Nel 1991, durante la prima guerra del Golfo lo zio Sam sperimentò una bomba nucleare di quarta generazione (con innesco a deuterio) di appena 5 chilotoni, che provocò un terremoto di magnitudo 4.1-4.2. E così in Afghanistan nel 2002.
Anche in Italia dove gli “alleati”, ossia i padroni di Washington non ci fanno mancare niente, oggi si è verificato un terremoto nella zona del Garda con un ipocentro di soli 5 chilometri e magnitudo 2.4.

Io lo ho sostenuto diverse volte da diversi anni che certi terremoti catastrofici sono causati tramite bombe atomiche. Il caso del terremoto del 11-3-11 in Giappone è più che sospetto. Ben Fulford, giornalista nippo-canadese, scrisse di avere avuto delle informazioni dalla Iakuza, la mafia giapponese, circa il contrabbando sul suo territorio di una testata termonucleare che sarebbe servita per la detonazione che scatenò il terrificante sisma con tsunami (maremoto). C’è una controprova: il fatto che la maggior parte della radioattività in mare non sia stata riscontrata vicino dalla centrale di Fukushima come sarebbe logico supporre.

Articoli di approfondimento: Terremoto artificiale in Giappone: emerge un quadroCoincidenze giapponesiPachistan, l’isola misteriosa dopo il sisma

27 aprile 2015

Sisma in Nepal del 25 aprile 2015

[…]

La prima scossa, di magnitudo 7,8 con ipocentro a circa 15 km di profondità, si è registrata alle ore 6:11 UTC (8:11 ora italiana).[1]

Una seconda scossa, di magnitudo 6,6 con ipocentro a circa 10 km di profondità, è stata registrata alle ore 6:45 UTC.[3]

Il China Earthquake Networks Center (CENC) ha riportato una magnitudo del terremoto di 8.1 M s. L’India Meteorological Department ha riferito che due forti terremoti sono stati registrati in Nepal alle ore 06:11 UTC e 06:45 UTC. La prima scossa misurava 7,9 punti della scala Richter e il suo epicentro è stato individuato ad una distanza di 80 km a nord-ovest della capitale Katmandu. Il secondo terremoto è stato di 6,6 punti della scala Richter. L’epicentro era ad una profondità di 10 km (6,2 km) sotto la superficie della terra. Bharatpur era la grande città più vicina al sisma, 53 km dall’epicentro; questo secondo terremoto è avvenuto a 81 km a nord ovest di Katmandu, la capitale del Nepal. Oltre trenta scosse di assestamento di magnitudo 4,5 o maggiori si sono verificate dopo il terremoto iniziale, tra cui una di magnitudo 6.6, avvenuta pochi minuti dopo il terremoto.

Una grande scossa di assestamento di magnitudo 6,7 è avvenuta il 26 aprile 2015 nella stessa regione alle 7:09 UTC, con epicentro a circa 17 km a sud di Kodari (Nepal).[4][5] La scossa di assestamento ha provocato ulteriori valanghe sul monte Everest ed è stato avvertito in molti luoghi nel nord dell’India.[6]

Continua a leggere alla fonte

Un sisma con epicentro di scarsa profondità10 km … 15 km … 70 km …  è la firma di un sisma artificiale.

”Fate sempre attenzione alla profondità dell’evento tellurico (ipocentro): da 0 a 70 chilometri – in base ai dettami scientifici internazionali – i terremoti sono superficiali, e possono in tal caso, essere provocati dalla mano armata dell’uomo […]

Una cosa è certa: i terremoti con scarsa profondità sono spesso di origine artificiale, o meglio antropica, anzi bellica” … “a profondità minori di 15 chilometri: una firma inconfondibile dell’attività di H.A.A.R.P. (o simile riscaldatore ionosferico) su ionosfera e faglie sismiche attive”. – Gianni Lannes http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/search?q=TERREMOTI 

Intanto, il territorio del Nepal viene occupato da militari di varie nazioni nel nome degli aiuti umanitari. Approfondite voi quali… Staremo a vedere se impianteranno una base miliare a stelle e strisce, “permanente”…  Nel frattempo un aereo militare americano è stato mandato nel Nepal con 45 tonnellate di aiuti e personale di soccorso per aiutare nelle ricerche. Lo afferma il Pentagono. 

Non mancherà di mettere in moto la macchina degli aiuti tramite sms o chiamata … infatti il commissario italiano dell’EXPO prendendo la palla balzo, sta per “organzzare una raccolta fondi per le vittime del terremoto”… Io mi astengo da queste donazioni raccolta fondi: non mi fido.

Quanti “meccanismi” si allacciano/attivano con un cataclisma… ne seguirà anche una vaccinazione di massa… manca solo la liberazione del marò ancora agli arresti in India e il quadro si farà completo… ( https://xena05.wordpress.com/ )

26 aprile 2015

Dirigente Google Daniel Fredinburg muore sotto valanga in Nepal causata da terremoto

Non solo il terremoto in Nepal di ieri puzza di artificiale lontano un chilometro (anzi un miglio, visto che Renzi e Grillo ci vogliono imporre l’inglese nelle scuole, la notazione matematica anglosassone con relative unità di misura) ma scopriamo che un importantissimo dirigente di Google è rimasto ucciso in conseguenza del sisma.
Daniel Fredinburg è stata una delle 17 persone decedute sul monte Everest sepolte da una valanga innescata dal tremendo terremoto che ha colpito il Nepal. Era con altri tre dipendenti di Google, rimasti illesi, che ora starebbero tornando in America senza conseguenze.
Di cosa si occupava Fredinburg nell’azienda di Mountain View? Di privacy, guardacaso quel settore che internet e Google violano quotidianamente per conto del governo degli Stati Uniti.
Come scrivo da diversi anni, internet è una creazione della CIA per americanizzare e controllare il mondo. Recentemente lo ha affermato anche il presidente russo Vladimir Putin anche se certi sedicenti filorussi quali Giulietto Chiesa non lo hanno riportato al pubblico italiano.
Non vi siete mai chiesti come mai Google, e siti similari, vi chieda il numero di cellulare con insistenza nonché altre informazioni sensibili?
Questa storia puzza di montatura lontano il solito miglio i morti e i danni “collaterali” ai monumenti nepalesi purtroppo no.

Daniel Fredinburg

24 aprile 2015

Agenzia governativa Usa: l’estrazione di petrolio tramite fracking causa terremoti

Ora anche una agenzia scientifica del Governo Usa lo dice esplicitamente: esiste una connessione tra le attività di estrazione dal sottosuolo di petrolio e gas con il metodo della fratturazione idraulica, il cosiddetto fracking, e i terremoti. A sostenerlo è un esauriente rapporto realizzato dallo United States Geological Survey (Usgs), l’agenzia scientifica del governo degli Stati Uniti che si occupa del territorio, delle sue risorse naturali e dei rischi che lo minacciano.
Si tratta del più ampio rapporto mai pubblicato dall’Usgs su un fenomeno che negli ultimi anni è notevolmente cresciuto nel Paese, insieme alla produzione di gas e petrolio di scisto, in cui sono state identificate e mappate 17 regioni dove i terremoti sono avvenuti. Lo Stato decisamente più colpito è l’Oklahoma, dove i terremoti ora sono centinaia di volte più comuni di quanto fossero pochi anni fa, proprio a causa dell’immissione nel sottosuolo dell’acqua di scarto delle attività di fracking. Nel rapporto, inoltre, sono state mappate zone di altri otto Stati, dal lago Erie alle Montagne Rocciose, dove la stessa pratica ha provocato terremoti e che rischiano, in futuro, di subire scosse ancor più potenti.
Mark Petersen, a capo del gruppo che si è occupato del rapporto, ha detto che «in Oklahoma c’erano uno o due terremoti di magnitudo pari o superiore a 3 all’anno, ora invece uno o due al giorno. Ora in Oklahoma – ha aggiunto – ci sono più terremoti di quella magnitudo che in California».
Il rapporto è stato pubblicato due giorni dopo che il governo statale dell’Oklahoma, per la prima volta, ha riconosciuto che la comunità scientifica dello Stato non ha ormai dubbi: il recente aumento dell’attività sismica è il risultato dell’immissione nel sottosuolo dell’acqua di scarto del fracking. Nel 2011, l’Oklahoma centrale ha affrontato la scossa più forte mai registrata nello Stato, di magnitudo 5,6, che sconvolse gli scienziati, che lo definirono il maggior terremoto indotto dall’uomo negli Stati Uniti. La situazione, poi, potrebbe peggiorare: «Non dico che avremo una scossa di magnitudo 7 in Oklahoma – ha detto Petersen – ma non credo che si possa escludere».
Il rapporto dell’Usgs è un passo avanti verso la capacità di predire il rischio di terremoti indotti dalle attività umane, considerata molto difficile da raggiungere. Lo studio ha anche mostrato che, nelle zone dove l’iniezione di acqua di scarto è stata fermata, la frequenza dei terremoti si è ridotta quasi a zero, per esempio nell’Arkansas centrale dal 2011 e in un’area a nord di Denver, in Colorado, negli anni ’70.
La fratturazione idraulica, tecnica estrattiva che inietta in profondità una miscela ad alta pressione di acqua e agenti chimici per rompere la roccia e liberare gli idrocarburi, è sotto accusa da tempo da parte degli ambientalisti. (Sole 24ore)

Badate bene a come funziona il potere. Adesso che il fracking è divenuto antieconomico, quei gran geni del Sole scoprono che è fonte di terremoti. Ma bravi.

547729_10151798906960393_10150100387215393_24854285_1720322327_n

17 aprile 2015

Terremoto oggi, scossa di magnitudo 3.1 sul Gargano, avvertita in otto comuni

Terremoti nel Gargano 2015Alle 11.10,magnitudo 3.1.Ad Apricena scuole chiuse fino a domani
Una scossa di terremoto di magnitudo 3.1 è stata registrata alle 11.10 nel distretto sismico del promontorio del Gargano dalla Rete sismica nazionale dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia. Non si registrano danni o feriti. Otto i comuni in cui si è avvertita la scossa nel raggio di 20 chilometri, ovvero Apricena, Lesina, Poggio Imperiale, San Paolo di Civitate, San Severo, Chieuti, Serracapriola e Torremaggiore. Un’altra scossa di terremoto di magnitudo 3.9 era stata registrata ieri alle 13.34 nello distretto sismico. In seguito, nella stessa zona, erano state registrate altre due scosse, di magnitudo 2 alle ore 13.37 e di magnitudo 3.2 alle 13.41.
Ad Apricena, uno dei comuni interessati dalle scosse, il sindaco ha disposto la chiusura di tutte le scuole fino a domani.
(ANSA)

Non avevo mai sentito parlare del comune di Apricena, dal nome buffo, finchè Gianni Lannes non ci aveva tenuto una conferenza sui terremoti artificiali di origine NATO.
PS ‘Appello di Samantha dalla Iss, partecipate all’Hearth Hour/SPECIALE’ In un solo rigo ADNKronos riesce a non sapere l’italiano e nemmeno l’inglese. Credo sia un primato. L’ora del focolare però non sarebbe male come idea.

10 aprile 2015

Terremoti di origine antropica: c’è la prova scientifica

Nelle prima ore del 6 agosto 2007, sei minatori stavano lavorando a 450 metri di profondità, estraendo carbone dalla miniera Crandall Canyon nel territorio montuoso al centroe del Utah Wasatch Plateau. Improvvisamente, i sostegni della volta della miniera cedettero, causando un crollo esteso a una superficie di 200.000 metri quadrati intrappolando gli uomini sottoterra.
Le squadre di soccorso giunsero rapidamente in loco. Per tre giorni, perforarono sei stretti cunicoli in successione, senza riuscire a localizzare i minatori intrappolati. Dopo quattro settimane di estenuanti tentativi, e la morte di tre soccorritori durante un secondo crollo il 16 agosto, la ricerca fu a malincuore interrotta e la miniera sigillata per sempre.
Dopo il crollo iniziale, Robert Murray, presidente e amministratore delegato della Murray Energy Corporation, che ha in comproprietà la miniera, dichiarò che un terremoto aveva innescato il disastro.
Tuttavia, analisi dettagliate effettuate da sismologi e da un ingegnere minerario presso la Università dello Utah, pubblicato da Seismological Research Letters nel 2008, hanno appurato che un sisma di 3,9 gradi della scala Richter, rilevato dai sismografi locali, era stato innescato dal collasso nella miniera e non viceversa.
Il dipartimento USA per la sicurezza mineraria e del lavoro condannò poi la Murray Emergy al pagamento di oltre 1,6 milioni di dollari per violazione delle norme sulla sicurezza in miniera, per le nove vittime. In seguito ridotti a 949 mila in un ricorso del 2012.
Attività quali il fracking sono perfino più invasive negli equilibri della crosta terrestre. Solo l’ottusità di certi ambienti accademici può ancora negare l’origine antropica di alcuni sciami sismici che stanno interessando la penisola. Fortunatamente, la maggior parte di essi sono di bassa intensità, finchè qualcuno non sarà abbastanza forte da causare morti, feriti e distruzione.
L’ateneo dello Utah ha stabilito che nella parte centro-orientale dello stato, severamente interessata all’attività estrattiva, tra il 1978 e il 2007, si sono verificati 17 mila sismi. Molte di queste scosse, di moderata intensità, sono state ricondotte alle miniere.

L'attività mineraria può causare terremoti

23 marzo 2015

Scossa di terremoto nel Modenese: magnitudo 3.1

Una scossa di terremoto di magnitudo provvisoria 3.1 si è registrata la notte scorsa in provincia di Modena. Nessun danno a persone e cose

MANTOVA. Una scossa di terremoto di magnitudo 3.1 stata registrata all’1:50 sull’Appennino pistoiese. Secondo i rilevamenti dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma ha avuto ipocentro a 9.4 km di profondità ed epicentro in prossimità dei comuni di Fanano e Montese in provincia di Modena e Gaggio Montano, Lizzano in Belvedere e Porretta Terme in provincia di Bologna. Al momento non risultano danni a persone o cose. (Gazzetta di Mantova)

L’allontanamento della Luna dall’allineamento col Sole, dopo l’eclissi, variando la sua attrazione gravitazionale induce sismi nelle parti più fragili della crosta terrestre.
Riguardo alla pianura padana l’indebolimento è dovuto al fracking. Ma nessun organo ‘competente’ lo ammetterà mai. La profondità è la solita di siffatti casi, ossia circa 10 km.
Invece, per quanto riguarda il terremoto di grado 6,1 della scala Richter, registrato tra Cile e Perù, a profondità oltre 100 km, si deve all’instabilità nota della placca di Nazca che subduce sotto la placca sudamericana, secondo i dettami canoni della tettonica a zolle.

Terremoto fra Cile e Perù

18 marzo 2015

Avvicinandosi l’eclissi, incrementano i terremoti

Terremoti-sismologiaCi sarà un eclissi il 20 marzo 2015 visibile nel Nord Europa principalmente.
La geometria di un eclissi solare implica l’allineamento fra Sole, Terra e Luna quindi si ha una sommatoria delle rispettiva forze gravitazionali lungo un asse. Già si verificano terremoti nelle zone di crosta terrestre più instabili, dal punto di vista tellurico, incluse le aeree interessate dal famigerato fracking.
Dimostrazione abbastanza chiara dell’influsso della gravitazione lunare sulle zolle tettoniche della Terra come sancito dagli studi del sismologo faentino Raffaele Bendandi.
Rammento che a causare i sismi non è l’attrazione gravitazionale in sé, che evidentemente esiste sempre altrimenti il sistema solare non starebbe insieme, ma la sua variazione ossia la derivata.

12 marzo 2015

Il cruscotto bendandiano

Il cruscotto bendandiano

Il programma nasce per iniziativa personale durante i primi giorni dell’anno 2011 come software finalizzato alla ricerca delle congiunzioni planetarie per poi evolversi in una piattaforma che implementa e rappresenta in grafica animata gli elaborati ed ogni conoscenza acquisita delle teorie del geofisico di Faenza.
Da almeno un anno si era diffusa in rete la previsione, erroneamente attribuita a Raffaele Bendandi, di un terremoto che si sarebbe dovuto verificare a Roma l’11 maggio a causa di un allineamento dei pianeti Terra, Mercurio, Venere e Giove con Marte a pochi gradi di longitudine da questi.
Individuare nel tempo passato la medesima configurazione planetaria, per conoscere se in concomitanza si fossero o no verificati degli  eventi sismici rilevanti, era l’unico criterio adottabile per formarmi anzitempo un’opinione sulla previsione, in mancanza della teoria bendandiana che non fu mai divulgata dal suo autore.
Non considerai, né quindi valutai secondo le leggi newtoniane, le entità delle forze in gioco d’attrazione gravitazionale dei pianeti coinvolti, per seguire a prescindere la teoria dell’influenza planetaria, confidando in alcune considerazioni:
La Luna e la Terra costituiscono un pianeta doppio, dato il rapporto fra le rispettive masse di circa 1/81, valore di gran lunga superiore a quelli analoghi relativi ai satelliti degli altri pianeti del sistema solare;
il sistema Terra-Luna risente delle forze dei pianeti Venere, Giove e Saturno che perturbano la traiettoria del suo baricentro
la Luna durante il suo mensile moto di rivoluzione fa volgere “velocemente” la congiungente baricentrica dei due corpi verso un insieme di pianeti variabile per numero e parametri orbitali nel corso di pochi giorni, talvolta di sole alcune ore
– ad oggi disponiamo di pochissimi elementi sulle proprietà della forza gravitazionale  1
contrariamente a ciò che si potrebbe credere, l’interazione gravitazionale è la meno conosciuta fra le interazioni fondamentali  2
La funzione di ricerca individuò erroneamente solo la data del 5 aprile 1727 per la quale non mi fu possibile accertare l’attività sismica manifestatasi quel giorno, ma durante il perfezionamento dell’algoritmo e la lavorazione al cruscotto mi venne chiesto dalla dott.ssa Paola Pescerelli Lagorio di collaborare con l’associazione ‘La Bendandiana’ e l’Osservatorio Geofisico Comunale di Faenza, la casa-museo di Raffaele Bendandi.
Mi fu quindi possibile rendere il programma sufficientemente aderente alle teorie del geofisico autodidatta di Faenza.
Negli stessi giorni l’evento del Tohoku (Fukushima) indirizzò lo studio verso il Sole in quanto la data dell’11 marzo 2011 risultava in marcata evidenza sui fogli di previsioni dell’attività solare per l’anno 2011. L’elaborazione all’indomani delle 377 previsioni (1841 date) stilate dallo studioso per il periodo 1996-2012 non mostrò una sufficiente corrispondenza fra l’attività solare prevista e quella sismica terrestre registrata nel periodo Gennaio 1996/Febbraio 2011.
A riguardo, già Bendandi scrisse: “Ma quello che, al contrario, non è conforme al vero, è l’asserire che i terremoti  sono prodotti dal Sole e dalla sua attività, perché le commozioni telluriche sono il risultato di uno squilibrio gravitazionale prodotto dal sommarsi delle attrazioni di tutti i membri della famiglia planetaria, Sole e Luna compresi. L’azione del Sole sul meccanismo dei terremoti è quindi soltanto indiretta o secondaria, e lo dimostra il fatto che i grandi periodi di instabilità tellurica seguono di alcuni anni il massimo dell’attività del Sole”.
L’ 11 maggio 2011 si verificò un sisma atipico di intensità M5.1 nella località spagnola di Lorca ed il giorno precedente un terremoto di magnitudo 7.1 nelle Loyalty Islands della Nuova Caledonia. Il metodo previsionale dei terremoti bendandiano non si basa sugli allineamenti, ma questi rappresentano comunque le configurazioni di massima  concentrazione dei corpi planetari nella volta celeste. (Fonte: http://www.vulcanieterremoti.com/ )
1, 2 dalla pagina web dell’ European Gravitational Observatory (EGO)
di
Cascina di Pisa (http://www.ego-gw.it/virgodescription/italiano/pag_1.html)