Archive for dicembre, 2010

21 dicembre 2010

Una spirale di mistero

Il 9 dicembre 2009, il giorno prima dell’arrivo di Barrack Obama a Oslo per l’accettazione del premio Nobel per la Pace, un misterioso evento ebbe luogo nei cieli norvegesi: uno strano disegno a spirale di colore blu chiaro apparve nel buio fondo dell’inverno boreale.
Spirale del Nord
I residenti della Norvegia settentrionale rimasero esterrefatti dallo spettacolo di luci sopra di loro che sembrava generato da un computer. Qualcuno suppose si potesse trattare di un missile classe Bulava lanciato per un test dal sottomarino russo Dmitry Donskoi che faceva rotta nel mar Bianco in quel periodo.
La spirale roteava mutando in  dimensione e forma e fu notato anche un raggio blu verde come venisse proiettato verso il centro.

Spirale del 9-12-2009 in dettaglioChe cosa si può dedurre dalle foto e dai filmati?
Probabilmente si trattò di una proiezione dal suolo per mezzo di un fascio di luce potentissimo tipo “occhio di bue”.
L’ipotesi che fosse un evento connesso con il fenomeno della aurora boreale sembra inverosimile, a giudicare dalle immagini.

La spirale è, dicono,  un noto simbolo esoterico e iniziatico.
Può darsi qualcuno tramite quella manifestazione intendesse lanciare  un monito al presidente degli USA in arrivo.  Oppure voleva celebrare la vincita del premio Nobel da parte di un iniziato.  Un messaggio per gli alieni o che altro?
Uno scherzo ben architettato forse.  Ma da parte di chi?
Chissà se verremo mai a saperlo.

Annunci
10 dicembre 2010

Ciao Ralph!

Oggi, 10 dicembre, cade il secondo anniversario della scomparsa di Ralph Renè, uno dei massimi esperti della beffa della Luna e autore di Nasa mooned America!. Tra i suoi maggiori contributi allo sviluppo della teroia l’analisi della pericolosità delle fasce di Van Allen nel campo elettromagnetico terrestre
Inoltre la questione delle tute spaziali che dovevano  gonfiarsi a dismisura nel vuoto assoluto, per evidente differenza di pressione, da cui l’impossibilità per gli astronauti di piegare le dita nei guanti e lavorare nello spazio.

Ralph RenèRammento la prima volta che gli scrissi,  mi disse che era mezzo italiano perché sua madre di cognome faceva Cascarelli.
Ralph soffriva da 34 anni di un dolore persistente all’anca. Nonostante la sua età avanzata e avendo  assicurazione sanitaria si vide negare l’operazione di protesi.

Il  10 dicembre 2008, all’età di 75 anni, preso dallo sconforto si è sparato con una calibro 20 abbandonando noi  complottisti nell’amarezza, lasciando un grande vuoto sebbene colmato dal suo notevole apporto nel dipanare le false missioni lunari della Nasa.
Un mio articolo in Tributo (in inglese) fu letto al suo funerale dall’amico e collega Jarrah White:

http://www.youtube.com/watch?v=4EI-D5iZQWo

http://www.youtube.com/watch?v=cEdhYBwEvas&feature=related

http://www.youtube.com/watch?v=yqrX1ybqfiY&feature=related

La trascrizione tradotta in italiano dell’intervista a Renè è contenuta nel libro LUNA & NASA: il sogno proibito. A me rimane una preziosa intervista radiofonica condotta e registrata in mia vece da Jarrah con cui Ralph collaborava e divenuto una sorta di secondo padre.

Ciao Ralph! Riposa in pace.