Archive for novembre, 2014

30 novembre 2014

Scienziati scoprono uno scudo invisibile attorno alla Terra, sono perplessi di come si è formato

Scienziati scoprono uno scudo invisibile attorno alla Terra, sono perplessi di come si è formato

La Terra è avvolta in un campo di forza invisibile che gli scienziati hanno paragonato agli scudi di STAR TREK .
Un team americano ha scoperto una barriera, a circa 7.200 miglia sopra la superficie della Terra, che blocca gli elettroni ad alta energia che minacciano gli astronauti e i satelliti.
Gli scienziati hanno identificato un confine “estremamente affilato” all’interno delle fasce di Van Allen, due grandi anelli a forma di ciambella tenuti li dal campo magnetico della Terra che sono pieni di particelle in rapido movimento. Il capo dei ricercatori il professor Daniel Baker, presso l’Università del Colorado a Boulder, ha detto: “E’ quasi come si questi elettroni stessero correndo su una parete di vetro nello spazio.
L’immagine artistica di un muro di mattoni a forma di ciambella per illustrare un “scudo” invisibile scoperto dagli scienziati americani che si trova 7200 miglia sopra la Terra nelle fasce di Van Allen, che blocca elettroni di alta energia che minacciano gli astronauti e satelliti
“Un po ‘come gli scudi creati dai campi di forza di Star Trek che erano utilizzati per respingere le armi aliene, stiamo vedendo uno scudo invisibile che blocca questi elettroni. Si tratta di un fenomeno estremamente enigmatico.”
La squadra ha inizialmente pensato che gli elettroni ad alta carica, che formano un anello intorno alla Terra a più di 100.000 chilometri al secondo, sarebbero lentamente andati alla deriva verso l’atmosfera superiore. Ma un paio di sonde lanciate nel 2012 per studiare le fasce di Van Allen ha dimostrato che gli elettroni vengono fermati nel loro tragitto prima di arrivare così lontano.
La natura del campo di forza rimane un mistero irrisolto. Non sembra essere collegato a linee di campo magnetico o segnali radio artificiali e gli scienziati non sono convinti che una nube di gas freddo elettricamente carico chiamato plasmasfera che si estende per migliaia di chilometri nella fascia di Van Allen esterna sia in grado di spiegare completamente il fenomeno.
Prof Baker ha aggiunto: “Credo che la chiave qui sia quella di continuare ad osservare la regione nei minimi dettagli, cosa che siamo in grado di fare grazie agli strumenti potenti nelle sonde di Van Allen.” ( http://www.fiumesilente.com/ )

Articoli di approfondimento: Ipse dixit: James van Allen UFO International Magazine – giugno 2013

Scienziati scoprono uno scudo invisibile attorno alla Terra, sono perplessi di come si è formato

L’immagine artistica di un muro di mattoni a forma di ciambella per illustrare un “scudo” invisibile scoperto dagli scienziati americani che si trova 7200 miglia sopra la Terra nelle fasce di Van Allen.

 

Annunci
29 novembre 2014

Le linee di rifornimento per ISIS originano dalla NATO

Secondo un’emittente tedesca, Deutsche Welle (DW), i finanziamenti e gli armamenti per il cosiddetto Stato Islamico non originerebbero dal traffico di petrolio venduto al mercato nero ma dalla NATO. Nessuna vendita di schiave e riscatto per ostaggi, bensì miliardi di dollari di materiale che si riversano giornalmente in Siria attraverso il confine turco.
Un membro della NATO come la Turchia ha consentito un fiume di rifornimenti, il munizionamento e l’addestramento dei miliziani di ISIS almeno dal 2011.
Ciò che incautamente aveva scoperto la giornalista Serena Shim e il motivo per cui è stata barbaramente e impietosamente eliminata.
In una scena surreale del documentario DW, si vedono combattenti antisiriani che, come varcano il confine verso la Siria, vengono immediatamente uccisi verosimilmente da partigiani curdi. Nessuno sa chi ci sia dietro questo flusso ininterrotto di camion e Ankara ha ufficialmente negato la situazione. Si può ipotizzare la CIA sotto le mentite spoglie di organizzazioni non governative i cui autocarri carichi di appartenenti ISIS la Shim aveva visto e fotografato.
Ciò non fa che confermare cosa vi ho sempre detto circa le “primavere arabe” e ISIS. Si tratta di una tragica messa in scena degli Stati Uniti e dell’Occidente a fine di puro sadismo e destabilizzazione del Medio Oriente contro la religione di Allah instaurando il regime sociale consumista, secolarizzato, privo di spiritualità regnante nei paesi della UE e in Nord America.

28 novembre 2014

La predazione dell’oro diventa un timore globale

Movimenti dell'oro rientro lingotti

La stupefacente scomparsa di oltre 40 tonnellate in lingotti d’oro dai forzieri dello stato ucraino sta innescando una corsa al rientro dell’oro patrio a livello mondiale.
L’Olanda sta facendo rientrare in patria un controvalore di 5 miliardi di dollari del prezioso metallo stivati a New York, un quinto delle sue 612,5 tonnellate. Operazioni simili sono state proposte anche in Francia, Germania e Svizzera.
Nel frattempo, giusto nella confederazione elvetica, si svolge il 30 novembre un referendum per fare rientrare l’oro svizzero dai caveau di Gran Bretagna e Canada. In Francia, recentemente Marine Le Pen ha chiesto alla banca nazionale di fare ritornare l’oro depositato all’estero nonché di effettuare un inventario delle 2435 tonnellate d’oro fisicamente in carico alla Banque de France.
Già nel 2013 la Germania aveva tentato, non riuscendoci, di riappropriarsi dell’oro tedesco depositato in USA e Francia. Il 45% dell’oro germanico è custodito a New York. Molte nazioni tengono depositate parte delle loro riserve auree negli Stati Uniti. Una scelta che ora si rivelerà una trappola, a mio avviso.
Probabilmente queste mosse sono dettate dal timore che gli USA, una volta innescata una terza guerra mondiale, possano impunemente rubare l’oro europeo come ho già paventato. Anche se nessun organo d’informazione lo ha scritto, che io sappia, gli americani hanno forse sottratto l’oro nazionale a tutti i paesi che hanno invaso e distrutto quali Iraq, Afghanistan, Libia, eccetera.
La crisi europea e l’euro sono, con tutta probabilità, una abile messa in scena per costringere gli stati “indebitati” a cedere le loro riserve onde “risanare i conti”. La Grecia lo ha già fatto.
Paesi emergenti come Russia, Cina e India stanno aggiudicandosi oro a più non posso, sul mercato internazionale, approfittando del calo della quotazione.
Siamo ai preliminari del “risiko” che ci porterà verosimilmente a un conflitto globale ma delle manovre attorno al metallo giallo sui giornali non si parla. Il silenzio è d’oro!

27 novembre 2014

Samantha Cristoforetti al microfono dalla ISS

Anche la prima astronauta donna italiana Samantha Cristoforetti ripeterà durante la sua presenza nella stazione spaziale internazionale (ISS) collegamenti con le scuole su una frequenza radioamatoriale col nominativo IZ0UDF. L’ARISS Europe, che coordina queste interessanti attività, ha reso noto un calendario di possibili contatti che speriamo possano avvenire anche in italiano.
Stando alle informazioni riportate sul sito ARISS Europe, i prossimi contatti diretti fra la ISS ed alcune scuole italiane (FM 145.800 MHz downlink voce) sono previsti nelle seguenti 3 finestre
temporali:

dal 15-12-2014 al 21-12-2014
dal 05-01-2015 al 11-01-2015
dal 02-03-2015 al 08-03-2015

Il giorno e l’orario per i collegamenti radio saranno stabiliti sulla base della posizione orbitale della ISS, della disponibilità degli astronauti rispetto alle attività prioritarie che hanno in programma a bordo e degli orari indicati dalle scuole.
Per informazioni aggiornate, si consiglia di consultare le seguenti pagine web:

https://creator.zoho.com/school.selection.manager/ariss-europe-applications/#
http://www.ariss.org/upcoming-contacts.html

Il membro del Comitato scientifico di Italradio Filippo Giannetti (IW5DPW) commenta: “dalle informazioni riportate su questi siti non è specificato se avremo la nostra Samantha al microfono, anche se ce lo auguriamo caldamente. Infatti, ascoltare la voce di un nostro connazionale nello spazio, nella nostra lingua, è un evento non frequente e comunque sempre emozionante. E questa volta si tratterebbe di un evento storico dato che a trasmettere sarebbe la prima donna italiana nello spazio”.
http://portale.italradio.org/index.php?module=News&func=display&sid=3293&title=ce-anche-la-radio-con-la-prima-italiana-nello-spazio

Si potrebbe chiedere a Sam se si vedono le stelle dallo spazio (!), se si vede la Luna dallo spazio (!) dato chegli astronauti della ISS non ne parlano quasi maai. Qualcuno potrebbe domandarle di che colore sono i pianeti e le stelle, e la Luna, visti dalla Stazione Spaziale Internazionale. Se qualcuno ardisse chiedere, fatemi sapere. Sono curioso di sentire cosa risponde la tizia.

https://pianetax.files.wordpress.com/2014/11/9562c-cattura.jpg

26 novembre 2014

Le spettacolari immagini della esplosione del razzo Antares

Affiora, a un mese di distanza, una serie di filmati parecchio impressionanti in HD i quali documentano la terrificante esplosione del razzo Antares pochi secondi dopo il decollo. La missione intendeva trasportare un carico di rifornimenti alla Staziona Spaziale Internazionale (ISS) dalla base di Wallops Flight in Virginia.


 

26 novembre 2014

MIR-941 il gene umano comparso dal nulla

MIR-941 il gene umano comparso dal nulla
Ora conosciamo il gene che ha permesso all’uomo di diventare improvvisamente Sapiens. Un gene che non sembra essere il risultato di un procedimento evolutivo ma di un innesto improvviso.

Due anni fa è passata abbastanza sotto silenzio la notizia che un team di ricercatori dell’Istituto di Genetica e Medicina Molecolare dell’Università di Edimburgo, guidati dal dr. Martin Taylor, ha scoperto nel Dna umano un gene importantissimo che sarebbe legato allo sviluppo cerebrale e che avrebbe la peculiarità di appartenere solo ed esclusivamente al genere umano. L’altra particolarità di quello che potrebbe essere definito il “Santo Graal” per decifrare finalmente il mistero dell’evoluzione umana, è che questo gene, quando emerse all’improvviso più di un milione di anni fa, e per giunta in un arco di tempo incredibilmente breve, era già perfettamente operativo e discendeva da Dna non codificante. In pratica lo abbiamo semplicemente trovato inserito all’interno di quel materiale che la scienza definisce in modo un po’ grezzo ma efficace “spazzatura” genetica, le cui funzioni, assolutamente ridondanti, sono a tutt’oggi avvolte dal mistero.

Ricordiamo che i filamenti del Dna, quando subiscono il procedimento di cosiddetta “trascrizione”, vengono ricopiati nei corrispondenti filamenti di Rna, ovvero l’Acido Ribonucleico, un polimero organico chimicamente molto simile al Dna, che di questo, potremmo dire, ne è il fedele messaggero in quanto ha proprio la precisa funzione di trascriverne l’informazione genetica. Si dice quindi Dna non codificante ogni sequenza di Dna in un genoma non soggetta alla suddetta trascrizione in Rna e quindi apparentemente senza alcuna immediata utilità pratica.

Secondo gli studiosi scozzesi il gene miR-941 sarebbe comparso dopo la presunta divisione tra scimpanzè e uomo in un macro periodo che ipoteticamente va dai 6 milioni ad un milione di anni fa. Questo gene, dalle origini assolutamente sconosciute, avrebbe in pratica dato un’accelerazione fantastica al processo cognitivo del nostro cervello permettendogli di migliorare in modo clamoroso le sue capacità linguistiche e i propri procedimenti decisionali. In parole povere, senza questo gene noi ora saremmo ancora fermi allo stato evolutivo di ominidi o giù di lì.

Questa scoperta dalle conseguenze inimmaginabili andrebbe comunque inserita in modo corretto e congruo nel complesso percorso-labirinto della ricerca sul mistero dell’origine dell’umanità. Ora noi sappiamo che ad un certo punto, qualcuno dice 200.000 anni fa, ma le ultime ricerche tendono a far risalire l’origine a 800.000 anni più indietro, ha incominciato a vivere sulla terra l’Homo Sapiens, che ha rappresentato, rispetto ai suoi predecessori, un salto quantico quasi inconcepibile. Dalle ultime recenti ricerche sembrerebbe poi che lo stesso Homo Sapiens e il suo cugino prossimo l’Uomo di Neanderthal, non siano stati il risultato dell’evoluzione diretta dall’Homo Erectus, dall’Homo Abilis e dall’Homo Rudolfensis, loro predecessori, ma un qualcosa di totalmente differente e autonomo. Va detto poi come lo stesso Homo Sapiens si sia definitivamente evoluto, in pratica abbia fatto il salto definitivo che lo avrebbe portato alla civiltà, soltanto 50.000 anni fa, nel periodo che corrisponde grosso modo al Paleolitico Superiore, dopo che lo stesso Uomo di Neanderthal era improvvisamente scomparso dalla faccia della terra.

Oltre al gene Mir-941 un altro aspetto che ha reso possibile nell’uomo lo sviluppo quasi improvviso del linguaggio e quindi il conseguente pensiero simbolico e religioso insieme alla coscienza di sé stesso, è stato, a livello anatomico, l’abbassamento della laringe che, grazie al conseguente allungamento del tratto faringeo, ha permesso la propagazione del suono tramite le corde vocali, cosa impossibile al resto degli esseri viventi che popolano la terra. Una modificazione strutturale quasi improvvisa, forse in qualche modo derivante dallo stesso innesto del gene miR-941, che ha comportato in sé anche un grandissimo rischio: quello di farci morire soffocati, perché l’uomo adulto, proprio a causa dell’abbassamento laringeo, non può degluttire e respirare nello stesso momento così come invece riesce a fare un neonato nel quale appunto la laringe non si è ancora abbassata.

Di sicuro, comunque, ora sappiamo che qualcosa di incredibile e di clamoroso ha avuto luogo ad un certo punto della nostra storia, una modificazione genetica, un’aggiunta pescata dal “kit” che il nostro Dna aveva a disposizione nel suo “zaino” e che sembrerebbe essere il frutto di un preciso progetto piuttosto che di un casuale e prolungato processo evolutivo. Un “inserimento” non arrivato verticalmente in seguito ad un lento lavorio di trasformazione ma bensì orizzontalmente, non si sa bene ad opera di chi, che ha modificato il Dna umano a tal punto da proiettare il cervello umano verso l’autocoscienza di sé ma soprattutto verso la conoscenza di un Qualcuno a cui dobbiamo la nostra identità e forse la nostra stessa esistenza. In questo possiamo dire effettivamente che, se esiste un regno dei cieli, questo effettivamente si trova dentro noi stessi ed è quello che forse ci fa essere a…immagine e somiglianza del nostro stesso “ideatore”. ( https://pianetablunews.wordpress.com/ )
MIR-941 il gene umano comparso dal nulla

25 novembre 2014

Fatemeh Shim: “Mia sorella uccisa per avere detto la verità”

Mia sorella è stata uccisa per avere detto la verità” ha dichiarato Fetemeh, sorella di Serena Shim, la giornalista con cittadinanza americana morta in un incidente stradale in Turchia il 26 ottobre scorso.
La Shim, 29enne di ascendenza libanese che lavorava per l’emittente statale iraniana PressTV, aveva riportato che i combattenti dell’ISIS venivano trasbordati in Siria dalla Turchia su autocarri di organizzazioni non governative tra cui alcuni con le insegne “World Food Organisation”.
Come testimoniato dalla sorella, Serena dopo questa sconcertante scoperta, era stata inseguita dai servizi segreti turchi per molte ore finchè le è capitato l'”incidente”.
Un tragico scontro dai contorni misteriosi. Il grosso camion betoniera che ha investito l’automobile, guidata dalla cugina che fungeva da operatrice TV, non si è fermato dopo lo scontro e l’autista è mai stato identificato a differenza di quanto falsamente dichiarato dalle autorità inizialmente. Non si sa dove sia ricoverata  e quali siano le condizioni della cugina rimasta gravemente ferita. Inoltre, non ci sono immagini del cadavere della Shim in auto lasciando sospettare che lei sia stata intercettata altrove, uccisa e l’incidente stradale inscenato in un secondo momento.
Fatemeh Shim ha aggiunto: “È scioccante constatare come i media occidentali non si siano occupati della storia di Serena e neanche il governo americano ha espresso le sue condoglianze, nemmeno sapevano dove si trovasse in Turchia. Non abbiamo ricevuto nessun responso, né aiuto, dal governo americano“.
Gli USA che hanno creato ISIS a scopo di destabilizzare il Medio Oriente, come vi ho detto diverse volte, fornendo ai miliziani armi nuove di zecca in dotazione al Pentagono e non reperibili clandestinamente sul mercato nero degli armamenti. Poi costringono gli “alleati” europei (sarebbe meglio dire sudditi) a combattere ISIS. Quanto ai giornalisti, se non si adeguano alla verità ufficiale, fanno la fine della Shim.

24 novembre 2014

(Steve) Jobs Act e altre nequizie

Sulle elezioni regionali, vedete che ci stanno americanizzando. Non importa che la percentuale dei votanti crolli, importa che vinca il candidato desiderato. Infatti, l’M5S per salvaguardare la vittoria di Renzi ha snobbato la consultazione, Grillo non ha tenuto nemmeno un comizio in ER o Calabria. Come si è palesato per l’elezione dei giudici costituzionali, Grillo funge da ‘ruota di scorta’ dei poteri forti.  Vi ho scritto fino alla paranoia, che gli USA hanno inscenato la finta antitesi Renzi-Grillo. Niente di diverso dalle ‘rivoluzioni colorate’ in giro per il mondo.

24 novembre 2014

Ebola: medico italiano contagiato in arrivo allo Spallanzani

Roma, 24 nov. (AdnKronos Salute) – Sarà trasferito all’ospedale Spallanzani di Roma un medico italiano positivo al virus Ebola in Sierra Leone. Lo comunica il ministero della Salute, riferendo di aver avuto nel pomeriggio di ieri notizia dall’Ong Emergency.Sono state immediatamente attivate l’Unità di crisi della Farnesina e l’Aeronautica militare per le conseguenti attività operative e il trasferimento del paziente all’Istituto nazionale per le malattie infettive Lazzaro Spallanzani. Il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, d’intesa con il presidente del Consiglio, i ministri della Difesa, degli Affari esteri e della cooperazione internazionale e dell’Interno, ha dato disposizioni immediate per organizzare il trasferimento e il trattamento del medico italiano con trasporto ad alto biocontenimento. Il medico di Emergency arriverà in Italia durante la nottata. Sono state predisposte tutte le misure per garantire il trasporto e il ricovero del paziente in massima sicurezza e iniziare tempestivamente il trattamento clinico, sottolinea il ministero.

Gli Stati Uniti detengono il primato del 100% di loro concittadini contagiati da Ebola che sono perfettamente guariti. Stiamo a vedere cosa combina l’Italia.
Faccio notare che questo è il primo caso di Ebola che si registra nella penisola e vi viene deliberatamente introdotto.

Ebola: medico italiano contagiato in arrivo allo Spallanzani

23 novembre 2014

Oggi parte Samantha Cristoforetti, la prima astronauta italiana

Samantha Cristoforetti
E’ arrivato il giorno della partenza per la prima donna astronauta italiana. Alle 22 e 01 italiane Samantha Cristoforetti volerà, diretta alla Stazione Spaziale Internazionale, a bordo di una Soyuz dalla base russa di Baikonur, nel Kazakistan.
Comincia così la missione Futura, la seconda di lunga durata dell’Agenzia Spaziale Italiana (Asi). Per Samantha Cristoforetti la giornata è cominciata molto presto. La sveglia per gli astronauti è suonata infatti alle 5 del mattino (mezzanotte in Italia) e oggi sarà una lunghissima giornata scandita dagli ultimi controlli, i saluti alle persone più care e gli immancabili rituali che precedono la partenza di ogni astronauta dalla base russa.
Nella base russa di Baikonur, nel Kazakhstan, vanno avanti i preparativi in vista del lancio che alle 22,01 italiane di domenica 23 novembre porterà Samantha Cristoforetti sulla Stazione Spaziale con il russo Anton Shkaplerov e l’americano Terry W. Virts. Su ANSA Scienza e Tecnica si potranno seguire le immagini del lancio nella dirtta streaming con l’evento organizzato dall’Agenzia Spaziale Italiana (Asi) a partire dalle 20,30 del 23 novembre. (ANSA)

Cosa dire? La Russia è l’unico stato rimasto a inviare uomini e donne nel cosmo. In effetti, dovrebbe chiamarsi “cosmonauta”. Anche i cinesi, se non è una beffa, inviano persone nello spazio, ma dubito che consentirebbero a non cinesi di  salire sopra i razzi Lunga Marcia.
Non so perchè, ma non ho ottime sensazioni rispetto a questa missione di una viaggiatrice spaziale di un paese che avrebbe ben altri problemi che occuparsi di esplorazione extraterrestre.
In bocca al lupo!

ADDENDUM In diretta il lancio dalle 21:00 qui: http://www.asitv.it/ e qui http://spaceflightnow.com/2014/11/23/exp-42-launch-mission-status-center/

Soyuz

22 novembre 2014

Arma elettromagnetica impiegata in Ucraina?

L’Ucraina rientra nel concetto di “terra di nessuno” di cui vi ho parlato certe volte, in cui la destrutturazione dello stato consente a chiunque di compiere impunemente tutti i generi di nefandezza. Inclusa quella di testare nuovi sistemi d’arma a spese della popolazione.
Si sospetta che in Ucraina sia in corso una sperimentazione di un’arma a impulsi elettromagnetici (EMP).
I dispositivi a impulsi elettromagnetici sono in grado di “friggere” ogni tipo di circuito elettrico ed elettronico. La conseguenza immediata è un black out elettrico generalizzato come osservabile nel filmato sotto proveniente da Donetsk, al centro del Donbass. Le luci della città si spengono un istante prima della comparsa di un lampo accecante nel cielo. Questo verosimilmente provocato dalla ionizzazione dei gas di cui è composta l’atmosfera a causa dell’intensa energia applicata durante l’uso dell’arma.
Trattandosi di impulsi trasmessi via etere, sono in grado di bloccare anche gli impianti elettrici sotto gruppo di continuità (UPS), per questo anche la telecamera che ha prodotto il video s’interrompe bruscamente nella registrazione.


21 novembre 2014

UFO International Magazine – novembre 2014

Giunto in edicola il numero di novembre 2014 della rivista UFO International Magazine. Tra i molti interessanti articoli, essa ospita un mio pezzo di 8 pagine intitolato L’enigma delle inafferrabili “verghe volanti”. Affronto nell’articolo la questione delle rod in chiave di criptoentomologia e zoologia evolutiva. Buona lettura.

UFO International Magazine - novembre 2014

20 novembre 2014

Gigantesca voragine si apre negli Urali

Sprofondamento a Uralkali Sempre più inquietante il fenomeno delle improvvise voragini che compaiono inspiegabilmente in varie parti del mondo. Stavolta nella remota e freddissima regione russa di Perm al centro di una zona mineraria chiamata Uralkali. Il colossale buco misura 20 metri per 30 ed è stato scoperto dai dipendenti della miniera Solikamsk-2 il 18 novembre al centro di un insediamento di baracche abbandonato. A sprofondare, una serie di piccoli appezzamenti di terreno adibiti a orto quando l’insediamento era attivo. C’è da chiedersi se la voragine abbia una una qualche relazione con le misteriose luci osservate in cielo il 14 novembre.
Poco tempo prima della comparsa della voragine, la miniera di potassa, situata vicino alla cittadina di Solikamsk, era stata evacuata a causa dell’infiltrazione di acqua salata. Ma ciò non comporta automaticamente un collegamento con la comparsa della enorme buca.

Articoli di approfondimento: La macchina dei buchi neri
Voragine a Uralkali nella regione di Perm

19 novembre 2014

Le riserve auree ucraine svanite nel nulla, monito per l’Italia?

Grafico delle riserve auree dello stato ucraino

Grafico delle riserve auree dello stato ucraino

Il governo ucraino ha ufficialmente confermato che nei forzieri della Banca Centrale del paese non vi è rimasto più oro. Secondo il Fondo Monetario Internazionale, tra febbraio e marzo 2014 l’Ucraina deteneva 42,3 tonnellate d’oro di cui ora si sono perse le tracce.
Da quando gli Stati Uniti hanno insediato il loro pupazzo Petro Poroshenko, l’Ucraina ha misteriosamente smarrito quasi 500 quintali d’oro. Molto probabilmente finite a Fort Knox approfittando del caos seguito alla “rivoluzione colorata” fomentata dalla CIA. Quindi la guerra alla Russia e l’abbattimento del volo MH17 possono essere serviti presumibilmente da paravento per rubare oro. Possibilmente il secondo più antico mestiere conosciuto al mondo.
Non si può fare a meno di notare, osservando il cartello sottostante, come l’Italia sia oggi uno degli stati maggiori detentori del metallo prezioso.
Non troppo diabolico ipotizzare che, uno di questi giorni, il governo italiota, altrettanto telecomandato da Washington, proponga di “vendere oro” per “risanare i conti” altrimenti “salta il paese”.
Tra l’altro, si chiacchiera del fatto che moltissimi lingotti d’oro in mano a enti istituzionali, in giro per il mondo, siano fasulli. Sarebbero fatti di tungsteno, metallo dal peso specifico simile all’oro, e semplicemente dorati.
PS ‘Presentato emendamento su Iva al 4% per ebook’ Renzi incrementa le tasse a dismisura ma cala l’IVA sugli e-book come rischiesto dal M5S. Regalo ai produttori di e-reader.
PS Da quando hanno visto che il peronale sanitario poteva portare Ebola fuori dall’Africa, Ebola lo hanno fatto letteralmente sparire dimostrando che esso è una creazione artificiale come Isis, Antagonisti, Femen ecc.
PS ‘Apple metterà la musica di Beats su tutti gli iPhone, è la prima mossa dopo l’acquisizione da 3 miliardi di dollari’ Il Sole 24ore del massone Squinzi fa pubblicità gratuita alle aziende USA mentre sostiene Renzi che sta scientificamente rottamando l’industria italiana.
15:18 stanno spargendo scie chimiche ora sulla pianura padana, guardate il cielo.

Cartello riserve auree mondiali febbraio 2014

17 novembre 2014

La Russia abbandona la ISS costruendo una propria stazione spaziale orbitante

La prima stazione orbitante sovietica Mir

Si vocifera che l’agenzia spaziale russa stia considerando di costruire una sua stazione spaziale in orbita alta. Entro il 2017 Mosca potrebbe iniziare la realizzazione di un avamposto orbitante abbandonando la Stazione Spaziale Internazionale una volta esaurito il suo impegno a riguardo nel 2020.
Il quotidiano Kommersant ha scritto che il programma spaziale russo fino al 2050 contempla l’assemblaggio modulare di una nuova stazione spaziale, citando fonti da Roscosmos, l’Istituto Centrale di Ricerche Ingegneristiche e Tecnologiche. Il progetto prevederebbe, differentemente dalla ISS, una quota maggiore e una inclinazione di 64,8 gradi che permetterebbe all’orbita di coprire massimamente il territorio della Federazione Russa incluso l’oceano artico e la calotta polare. Dalla ISS attuale, che una inclinazione di 51,6 gradi, solamente il 5% del territorio russo è visibile. Inoltre, la stazione sarà meglio raggiungibile dal nuovo avanzatissimo cosmodromo in fase di ultimazione a Vostochny, attivo dal 2015. Missioni cargo potranno raggiungerla facilmente decollando dal cosmodromo militare di Plesetsk, situato nella Russia settentrionale. A fare da traghetto con la Terra due muovi tipi di vettori in fase di sviluppo: Progress-MS (primo lancio, seconda metà del 2015) e la Soyuz-MS (primo lancio previsto nel maggio 2016).
Personalmente, condivido la scelta degli scienziati russi di abbandonare la stazione attuale destinata a precipitare catastroficamente sulla Terra. Infatti, essa ruota troppo in basso per cui l’attrito, seppur minimo, in alta atmosfera la frena costantemente. Questa orbita instabile porterà la International Space Station a rientrare rovinosamente in un luogo imprevedibile non appena sarà sospesa la periodica spinta verso l’alto attraverso propulsori a razzo.

Il cosmodromo Vostochny in fase di costruzione

16 novembre 2014

Nexusedizioni.it parla de LA PENNA PIÙ VELOCE DEL WEST

Nexus Edizioni (Nexusedizioni.it ) ha ripubblicato l’articolo di Massimo Mazzucco su Luogocomune.net dedicato alla mia biografia di Kaysing.

http://www.nexusedizioni.it/it/CT/bill-kaysing-un-rivoluzionario-ante-litteram-4624

Ringrazio Tom Bosco per l’omaggio che ha reso a un personaggio straordinario come Bill.
Voglio aggiungere qui che in questi tempi oscuri e turbolenti, Kaysing è tranquillizzante, mitigante. A mente fredda, penso che il mio libro abbia qualcosa di taumaturgico. Forse inconsciamente è il motivo che mi ha spinto a scrivere LA PENNA PIÙ VELOCE DEL WEST.

PS Ieri clima da Siberia, oggi clima da Baleari sulla pianura padana, ma strane nuvole allungatissime che sono scie chimiche, per me.

Nexus Edizioni - Bill Kaysing

14 novembre 2014

Chi di beffa ferisce, di beffa perisce

Vi ricordate che io vi dissi subito che il Boeing 777 di Malaysia Airlines, abbattuto sui cieli dell’Ucraina, fu un monito affinché nessuno si occupasse più della fine che aveva fatto il volo MH370 in marzo, stesso aereo stessa livrea?
Ora, gli USA che a naso sono dietro a entrambe le sparizioni di velivoli (telecomandati dalla casa costruttrice stessa statunitense) hanno tentato più volte di incolpare la Russia.
I russi, infastiditi da questo comportamento, stanno cominciando a produrre bufale fotografiche tendenti a dimostrare che, in realtà, come forse è avvenuto, sono stati gli ucraini ad abbattere il volo MH17 il 17 luglio scorso.
Oggi sono apparse presunte fotografie satellitari tendenti a suffragare tale teoria. Nessuna immagine può rappresentare un oggetto che viaggia a 900 km/h nitidamente e contemporaneamente i campi sottostanti altrettanto delineati.
Per me, sono degli artefatti belli e buoni ma dimostrano come a certi livelli di potere non frega nulla di inventare storielle. Sarebbe divertente, se non ci fossero centinaia di morti di mezzo. Che dite?

Immagini satellitari abbattimento volo MH17
Immagini satellitari abbattimento volo MH17
Immagini satellitari abbattimento volo MH17
Immagini satellitari abbattimento volo MH17

14 novembre 2014

Far rinvenire il pane raffermo

Mi sembra di non aver mai segnalato questo semplice trucchetto per far tornare il pane raffermo morbido e fragrante. Gli dedico un intero post, perché a volte si dimentica di comprare (o di fare) il pane, oppure non si ha avuto il tempo o ancora semplicemente perché si vuole “far andare” quello vecchio.
Bisogna solo distinguere tra pane raffermo e secco: il pane raffermo, quello di uno o due giorni al massimo di solito, contiene al suo interno ancora una certa percentuale di acqua, pertanto può tornare morbido, viceversa quello secco non ha più idratazione, perciò lo usiamo per le varie preparazioni (pizza, tortini, canederli, dolci, ecc., per i quali comunque anche quello raffermo va benissimo!).
Ieri avevamo un avanzo un po’ tanto gommoso dell’ennesima focaccia di pasta madre fatta in padella. Si fa così:
Prendete il pane o la focaccia, meglio se in pezzi abbastanza grandi (o fette, o panini interi). Li spennellate leggermente con un velo d’acqua, avvolgendoli nella stagnola, come quando si fascia un bel panino per un pranzo al sacco. Ora potete scegliere se metterli così chiusi sulla griglia a fiamma bassissima, oppure passarli in forno, direi a 180 gradi per una decina di minuti. Come nuovo!!
( http://portafoglioadieta.blogspot.it/ )

Stasera mi è capitato per le mani un mezzo sacco di pane raffermo vecchio di un paio di giorni ma dall’aspetto ancora appetibile. In azienda finisce come alimento del pollame e di Rufus (il più temuto cane della provincia di Brescia!). La cosa mi ha rammentato uno degli episodi divertenti della mia biografia di Bill Kaysing (quello dei bum boat).
Oggigiorno anche recuperare pane vecchio a cibo commestibile può essere d’aiuto al portafogli.
Noi agricoltori ce la caveremo, in qualche modo, ma nelle città, dove la gente deve comprare tutto e pagare tutto, tra un po’ cominceranno a mettere in pentola i vecchi scarponi come in certi film ormai antichi con Stanlio e Ollio. Ma sarà meno divertente.

Come riutilizzare pane raffermo

13 novembre 2014

Luogocomune.net parla de LA PENNA PIÙ VELOCE DEL WEST

Massimo Mazzucco, gestore del sito http://www.luogocomune.net, ha dedicato un articolo al mio nuovo libro LA PENNA PIÙ VELOCE DEL WEST.
Ringraziando l’autore, dico che per il personaggio di Bill Kaysing, non basterebbero 500 pagine a descriverlo adeguatamente.
La vita vissuta dallo scrittore californiano è paragonabile al libro Sulla strada (On the Road) di Jack Kerouac. Io ho cercato di attenermi ai meri fatti limitando l’intromissione delle mie opinioni, come ho scritto nell’introduzione, onde mantenere lo spirito del protagonista della biografia.

http://www.luogocomune.net/site/modules/news/article.php?storyid=4589

Mi sono letto i primi 35 commenti finora su Luogocomune ed ecco le mie considerazioni. L’accenno ai falsi sbarchi nel recente film Interstellar, alla fine per me, è solo per attirare spettatori sapendo che molta gente razionalmente ed emozionalmente intuisce che lo sbarco lunare è stato una bufala. Forse è un messaggio propedeutico tipo il passaporto di Neo in The Matrix.
Riguardo al motivo per cui i russi non hanno mai sbugiardato gli americani, è che a certi livelli di potere c’è un accordo sottobanco per plasmare il mondo come essi desiderano. Se le élite dominanti vogliono che la gente che guarda la TV e segue il calcio, creda allo sbarco sulla Luna, nessun governo lo metterebbe mai in discussione. Anche se per anni, nella Cuba di Fidel Castro, si è insegnato che la conquista della Luna fu falsa.
Non si mettere mai in dubbio il ridicolo sbarco cinese del Coniglio di Giada o la sonda Rosetta. A proposito della quale, a 24 ore dallo sbarco sulla cometa di Philae, non si hanno ancora fotografie. Anche nel caso di Rosetta, non si veno le stelle nelle immagini, un indizio che anche l’ESA, simulacro della NASA, non è altro che una masnada di truffatori di denaro pubblico.

Articoli di approfondimento: Homes for the HomelessCapricorn One

Massimo Mazzucco - Luogocomune

11 novembre 2014

Ebola, prosegue il “miracolo americano”

È stato dimesso oggi dall’ospedale Bellevue di New York il dottor Craig Spencer che era affetto dal virus di Ebola. Il medico è completamente guarito.
Con questa nuova guarigione, gli Stati Uniti mantengono l’invidiabile primato di 100% di guarigioni da parte di loro concittadini. Sempre non ci siano, come sospetta qualcuno,  casi occultati, allo scopo di non ammorbare l’economia.
Nei paesi africani interessarti dall’epidemia, Liberia, Guinea e Sierra Leone la mortalità supera il 50%. Però quei morti non sono utili ad incrementare gli ascolti televisivi, perciò di Ebola non si parla più. Il razzismo è solamente un dettaglio.
ADDENDUM 17-11 ‘Ebola morto medico Sierra Leone curato in Usa’ A conferma dei miei sospetti, i soli 2 morti di Ebola in USA non erano cittadini americani e non erano bianchi.
PS Sto seguendo le operazioni di Rosetta sulla cometa. Mi puzza tanto di zolfo ossia di imbroglio. Vediamo che immagini mostrano, se sono minimamente credibili.
PS ‘«Me ne vado dall’Italia». E diventa il più giovane cardiochirurgo pediatrico della Gran Bretagna’ Gli angloamericani stanno distruggendo l’Europa per accaparrarsi le migliori maestranze nostrane e i giornali italiani (Sole 24ore) tifano contro l’Italia a favore degli angloamericani.

11 novembre 2014

Alluvione a Chiavari, paese sommerso dall’acqua

Alluvione a Chiavari 11-11-14
Immagini impressionanti della notte scorsa a Chiavari in provincia di Genova. Questi fenomeni hanno probabilmente a che vedere con la geoingegneria clandestina.
Abbiamo avuto una estate inusitatamente piovosa e fresca, un autunno caldo e secco, adesso l’acqua trattenuta in atmosfera si scarica furiosamente aiutata dalle basse pressioni provenienti da Nord.

11 novembre 2014

Lobotomizzati

Lobotomizzati
di Giusto Franco*

Lobotomizzato è un aggettivo che ricorre sempre più frequentemente in questo diario internautico. E’ un termine proprio della medicina ed in questo caso intende, in modo allegorico, gli effetti che l’asportazione dei lobi frontali del cervello provoca in una persona e cioè l’assoluta mancanza di partecipazione alla vita di relazione o reazioni a stimoli esterni. E’ un termine forte e drammatico che prelude a uno stato vegetativo. Ma perchè lobotomizzati? Come è potuto avvenire una simile tragedia?
Penso che la genesi di questa metamorfosi possa risalire al periodo in cui cominciamo a frequentare le scuole elementari durante il quale, al pari di fogli bianchi, verranno trascritte su noi nozioni codificate e tanto altro che la società avrà deciso di farci imparare. Ma noi già da allora non siamo un foglio bianco, assolutamente no. Siamo un foglio su cui ognuno ha già scritto il proprio carattere, la propria indole, gusti, eredità, propensioni, istinti e follia. Ma l’apprendimento prevede che queste caratteristiche vengano sorpassate per far posto alla immissione cerebrale di programmi prestabiliti e contenuti dentro i confini di una conoscenza non sempre evolutiva. La follia che risiede in ciascuno di noi fin dalla nascita, intesa in senso filosofico come la parte creativa e istintiva che si identifica col sentimento amore (Socrate), viene di preferenza soffocata. Purtroppo sono ormai pochi gli insegnanti con la capacità o il desiderio di trasmettere l’amore per il sapere, che prevede il riconoscimento delle caratteristiche di ciascun bambino per sviluppare l’apprendimento; molto meno impegnativo ma meno evolutivo è il metodo della trasfusione del sapere, come se le teste dei bambini fossero contenitori vuoti da riempire con nozioni. Ed ecco quindi i primi approcci per la lobotomia. Questa azione atrofizzante cerebrale prosegue in modo crescente e mirato col passare degli anni attraverso la mancata diffusione della cultura intesa come storia, arte, filosofia, poesia, educazione, sentimenti, conoscenza e rispetto delle diversità, e tanto altro di cognitivo. Al contrario le attuali società diffondono di preferenza valori legati al consumismo, successo effimero e ignoranza dilagante. Da molto tempo ormai è stato codificato che l’essere umano pensante sia un essere molto pericoloso per chi voglia gestirne la vita e i comportamenti. Ecco allora che un essere pensante e scrivente utilizza il termine lobotomizzati per provocare in modo energico i suoi lettori a una reazione. Non so quale effetto possa avere questo termine sulle persone, so però che l’intenzione è giusta ed è quella di stimolare un risveglio alla conoscenza e alle responsabilità personali che ne conseguiranno; ma sopratutto alla riscoperta della propria identità e della follia che risiede in ciascuno di noi, quest’ultima intesa come meraviglia esclusiva degli dei e cioè quella di saper amare. (Su la testa!)

*medico chirurgo

10 novembre 2014

Scie chimiche: novità da Giorgio Pattera

Molto interessante questa intervista con Giorgio Pattera.
Dato che è di Parma, ne approfitto per menzionare la mia relazione con le scie chimiche a Parma.
Era il 2004 e, avendo cominciato a sentire parlare di scie chimiche da poco, un bel giorno che ero al Campus a rivedere i miei amici mi trovai di fronte alla famosa scacchiera nel cielo di cui parla anche Pattera. Per chi non ha famigliarità con la città emiliana, il “campus” è una serie di edifici universitari a sud fuori città che ospitano quasi tutte le facoltà scientifiche inclusa Ingegneria.
Queste file di scie parallele a 90 gradi fra loro mi sembravano molto basse e assolutamente differenti da nubi naturali o da scie di condensazione degli aeroplani.
Mentre aspettavo il famigerato autobus della linea 7, per tornare in stazione, cominciai a rimuginare su cosa avrei potuto fare. Ricordo che chiamai col cellulare un amico che avevo appena lasciato in università ma era troppo impegnato a smanettare dietro una rete locale internet per uscire e alzare gli occhi al cielo. Chiamai una mia amica che credo sinceramente mi prese per matto sebbene le avessi già parlato di quel fenomeno che era clamorosamente davanti ai miei occhi.
Sull’autobus osservavo i passeggeri, il traffico dell’ora di punta, l’autista ma nessuno pareva accorgersi di quello strano fenomeno meteorologico che sovrastava la città. Mi venne spontaneamente in mente il film The Matrix in cui tutti vivono la loro esistenza apparentemente felice ed appagata senza minimamente sospettare della verità.
Le cose non sono mutate con gli anni, sapete.
L’anno scorso ero a una festa  tra Parma e Reggio, conversando con un signore mio amico notammo ancora una selva di scie chimiche solcare un cielo disordinato dalla giornata ventosa. Il conoscente commentò, riconoscendo la stranezza del fenomeno: “Albino, staranno compiendo esperimenti contro il riscaldamento globale, non lo fanno sapere per non disturbare la gente“.
Anche questo mi ha fatto riflettere: anche quando la gente perfino riesce ad ammettere, posta di fronte all’evidenza, che le scie chimiche esistono tende a pensare che le azioni del potere costituito siano a fin di bene.
Se vogliano questo è l’inganno globale per eccellenza che attanaglia l’umanità, il ritenere che il potere costituito sia in qualche modo benevolo, benigno, paterno e, se agisce di nascosto, è solo per non turbare la quiete delle “famiglie”.
Questa è la vera “matrix”.

9 novembre 2014

La “prima negra”

https://i1.wp.com/www.ansa.it/webimages/img_395x275/2014/10/30/245b97b9619ce8b6ebf3639cb30f72e1.jpg
Sono sempre stato un detrattore di Napo Orso Capo, come lo chiamo io. Fui uno dei primi a rivelare in internet che, in realtà, egli è il figlio illegittimo di re Umberto II di Savoia. Notate che chi siano i suoi genitori e della sua famiglia d’origine si parla ben poco.
Conseguita la laurea in giurisprudenza, a Napoli, a 26 anni è subito entrato in parlamento da deputato PCI da dove non si è più schiodato, se non per salire al Quirinale.
Insieme a Livia Turco, firmò una delle leggi gradite agli USA che ha spalancato le frontiere dell’ex belpaese all’immigrazione incontrollata. Del resto, egli appartenente alle élite, è sempre stato un pupillo della Casa Bianca, unico membro del Comitato Centrale del Partito Comunista Italiano a detenere un visto permanente per gli USA dove teneva conferenza in  università
prestigiose quali Columbia University. Un posto che di “comunista” sa ben poco.
Tuttavia, giunti al tramonto dell’Italia, provo oggi quasi tenerezza per questo ottuagenario presidente di una un’Italia che ci sembra quasi bizantina di fronte alle false promesse del nuovo ordine mondiale.
Ci sono pressioni, presumo oltranzistiche, pungolate da tempo attraverso Beppe Grillo, quintessenza dell’atlantismo più becero e subdolo, affinché re Giorgio dia le dimissioni.
Evidentemente, urge insediare un presidente che avalli il governo Renzi + Grillo ‘Renzillo’ che pronostico da un paio anni.
E da un paio d’anni, vi anticipo anche che spingeranno per una donna. Il sistema di manipolazione mentale è quello della novità del primo negro/donna/gay.
Il concetto del “primo negro” è sinteticamente esposto nel video sotto da Louis Farrakham.
L’agente mefitico del NWO Laura Boldrini ha subito avanzato l’idea della “prima donna” possibilmente antiproibizionista, guerrafondaia e di colore, suppongo io, da eleggere a capo dello stato.
Abbisogna sveltire la legalizzazione delle droghe affinché le multinazionali del tabacco facciano affari d’oro anche da noi. Bisogna chiudere il trasporto pubblico locale per incentivare gli affari di Uber, necessita obbligare i 6 milioni di studenti a munirsi di tablet in modo da incrementare di miliardi di dollari il fatturato Apple. Per i loro servigi, Grillo e Casaleggio intascano decine di milioni di dollari di tangenti dal governo USA sui loro conti svizzeri protetti da segreto bancario. Non ne ho le prove ma non mi meraviglierei se un giorni saltasse fuori.
Il concetto del “primo negro” serve alle élite per distogliere l’opinione pubblica, sulla falsariga degli USA, dal fatto che l’Italia sta diventando uno stato sempre più impoverito, dall’ingiustizia sociale esacerbante in cui solo il ricco è felice, perlomeno, a pancia piena.
In Brescia cittadini anziani si aggirano spingendo carriole per raccogliere rami secchi divelti dagli alberi dei parchi cittadini per farne legna da ardere. Chi l’avrebbe mai detto solo 5 anni fa, a Brescia? Però, le discariche sono zeppe di televisori CRT ancora buoni perchè, come in ogni altra città del Terzo Mondo che si rispetti, a Brescia la gente muore di fame ma pretende di avere il TV 60 pollici 3D in salotto.
I giornali già si sbizzarriscono sulla “novità” della “prima donna presidente” (Bonino scrissi due anni fa). O quale altro agente ONU-Troika (Rodotà, Amato, Boldrini stessa)?
Chi sarà quest’inverno il “primo bresciano” a morire di freddo non potendo pagare le bollette del riscaldamento agli aguzzini di A2A?
A nessuno importerà, temo, però consoliamoci, abbiamo il “primo negro” nella nazionale di calcio.
ADDENDUM ‘Mogherini: “Serve uno Stato palestinese”, Gerusalemme “capitale di due Stati”‘ La Mogherini al pari di Madia, Boschi, Giannini ecc. anche lei una nullità assoluta, va inquadrata nel sistema “prima donna” col risultato che tra un po’ la troveranno sgozzata e incaprettata sotto un ponte della SA-RC e il Mossad, interpellato dal Washington Post, dirà che si sospetta la ndrangheta in combutta con Casa Pound!
ADDENDUM II Medesimo problema in USA dove devono imporre la Clinton ma il PD dopo Obama rischia di perdere, non sanno cosa fare.